luglio

luglio
luglio

domenica 21 dicembre 2014

I MIEI "DICEMBRE"... SOTTOSOPRA


L'ho detto altre volte mi pare... il mese di dicembre con me parla "strano". Alterna a ricordi belli e dolcezze inaspettate, momenti di turbamento e ansia del futuro, senza contare le vicende tristi che mi hanno riguardato, tutte concentrate in quest'ultimo periodo dell'anno. E non parlo solo del tumore, di cui tra qualche giorno ricorre il compleanno...
La Mente a questo punto si oppone, io so che a dicembre per più anni ne ho vissuti di travagli però... è come rifiutasse di ricordare, o ricorda in confusione. Non c'è ordine cronologico, né intensità variabile di emozioni... è visto tutto dal di fuori, cronaca citata, "toccata e fuga" dal ritmo discontinuo e quasi distratto. Per proteggersi si è fatta furba, e da tutto ha preso le distanze... o quasi.
Già... qualcosa è rimasto ancora vivo, perché ravvivato dalla forte voglia di non scordare nemmeno i dettagli.
Le notti accanto a mia madre nei Suoi ultimi giorni... le parole e le raccomandazioni, le carezze a quelle mani stanche e smagrite che guardavo di continuo per farne un "fermo-immagine" nella memoria. Sono trascorsi dieci anni, e devo esserci riuscita assai bene se le ricordo ancora, tanto da rivederne segni e particolari nelle mie, ora che per me pure il tempo passa.
Passa e non torna più quel che è stato, almeno spero... e nel caso sfortunato non potrebbe mai essere peggiore del peggio vissuto. Come ho detto ad un'Amica che mi invitava a non ricordare più i momenti tristi e guardare solo avanti e ai tanti sorrisi che di lì in poi la Vita mi ha regalato. In realtà è cosa che già metto in pratica, e proprio grazie ai ricordi che non dovrei rammentare. La bellezza del momento, fatta di difficoltà quotidiane e stanchezza... perché si sa che gli anni vanno avanti senza chiedere il permesso... prende il sopravvento, così che mi congratulo con me stessa di invecchiare in modo giovanile. Che sarebbe come dire in modo obsoleto ma sempre d'effetto, mi sento giovane dentro. Ma forse non è solo una sensazione...
Stasera ho comperato in uno di quei negozi cinesi dove si trova l' "introvabile", un comune berretto da Babbo Natale, e mi son fatta fare dall'Amore della mia Vita più che quattro scatti. E come non bastasse, in bella posa abbiamo messo anche una di quelle famose testine, che tempo fa sull'altrettanto famoso comò, sfilavano "parruccate" ogni sera davanti ai miei occhi prima che mi addormentassi.
Lo abbiamo fatto per riderci su... perché questo, ancora una volta, è un altro Natale.

4 commenti:

  1. eh già... anche per me un altro Natale...
    Annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e tanti altri ne seguiranno ancora.
      Buon Natale, mia cara... buon Natale di Cuore.

      Mary

      Elimina
  2. Tanti Auguri di Buon Natale e Sereno Anno Nuovo, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimi auguri di serenità, caro Fabio.
      Un abbraccio...

      Mary

      Elimina