maggio

maggio
maggio

venerdì 28 giugno 2013

"SMILE!...", così quasi puntandomi il dito contro mi salutava stamattina la tirocinante crocerossina. E  guarda un po', anche stavolta mi è venuta fuori senza volere una bella rima, in modo che tutto è ancor più una poesia.
Con le braccia occupate e i piedi impacciati per quella specie di soprascarpe anti-infezioni, non aveva esitato a fermarsi per salutarmi, e lo aveva fatto nel modo che le era più congeniale... sorridendo, appunto.
L'appellativo di "Smile" mi era venuto spontaneo vedendo quel pacioso viso rotondo sempre atteggiato al sorriso... era per me il tempo del "nascondino" dietro pilastri ed armadietti, e per Lei... del tirocinio in quel reparto di Oncologia Medica, oggi se n'era ricordata perchè l'ultimo giorno le avevo raccomandato di conservarlo sempre quel bel Suo sorriso "aperto e rotondo". Perchè rotondo?... perchè perfetto in un posto dove si stenta a stare allegri anche se lo si desidera tanto e per questo si cerca intorno un segno, un'occasione che sproni ad esserlo.
"Resta così...", le ho ripetuto ancora, salutandola, e Lei... "... anche Voi, soprattutto serena!".
Dall'esterno allora, si deve vedere proprio che lo sono, serena... se in tanti continuano a... dirmelo. E poichè il fatto non mi dispiace assolutamente, mi vedo già andare in giro con una spilletta di riconoscimento, tonda e sorridente come la faccina dello Smile, appuntata sul petto... perchè no?... proprio a destra, sulla "novella" che da tre anni... da subito mi sorrise.
Certo, sono soddisfazioni... essere ricordata e di conseguenza riconosciuta con un sorriso pur collegando la mia faccia a una "storia"  non proprio allegra anche se a lieto fine, almeno per il momento.
Per il momento... ma perchè sto sempre a precisarlo? Forse per scaramanzia o per timore di essere un giorno delusa?!... Mah... si e no.
La Vita è come una lunga storia o ancor più una favola... ad "episodi", ognuno con un inizio, diciamo... normale, e una fine che è sempre lieta, per tutto il tempo che se ne mettono insieme e si possono raccontare.

Nessun commento:

Posta un commento