maggio

maggio
maggio

martedì 25 giugno 2013

"Il Dolore non va... in vacanza, ma gli incontri e le relazioni intessute possono alleviarlo e rinforzare la speranza, la solidarietà, la qualità della vita"

Durante l'anno tre sono stati i "momenti conviviali" di rilievo, ma l'ultimo... quello di ieri, era il più atteso in quanto visto nell'ottica di "ricarica"per i mesi estivi quando forzatamente i contatti non potranno essere tanto frequenti. Però... credo basti volerlo e non è che sia proprio tanto difficile prendere il telefono e digitare qualche numero...
Ogni componente del gruppo, infatti è in possesso dei recapiti di Tutti gli altri e volendo potrà mettersi in contatto... ognuno di NOI sa bene quanto possa far piacere una telefonata, una visita... il "cenno di un pensiero".
NOI non vogliamo la "pietà spicciola", a buon mercato e non richiesta ma desideriamo ugualmente non essere dimenticati neppure per tre mesi, soprattutto a Ferragosto quando il "mostro" della solitudine morde e fa più male.
In sintesi è stato questo lo spirito della serata... si è condiviso il "meglio" della Vita, i "piccoli piaceri" che con essa fanno riconciliare anche quando sembra troppo ingiusta e crudele.
Abbiamo mangiato, cantato e ballato, e i più "timidi" e "riservati" sono stati come al solito "i sani".
Eh già... solo Chi si è messo "a nudo" anche contro il Suo volere può diventare "sfacciato" fino in fondo e non avere reticenze... e poi... vuoi mettere il gusto di un'allegria ritrovata, anzi... riconquistata?
Non importa se per una sola sera o anche di più, conta la qualità di una risata e qui, la "qualità" è sicuramente di un certo livello.
La serata si è conclusa dolcemente con un "sorbetto al limone" e il lancio di una proposta... la realizzazione di una nuova idea, organizzare un laboratorio estivo di cucina... leggera, sana e gustosa.
E indovinate Chi "il facilitatore" ha nominato come referente dell'iniziativa?... io non dico niente!

4 commenti:

  1. Bellissima l'idea del laboratorio di cucina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensare al cibo... come prepararlo in modo sano e nello stesso tempo appetitoso equivale a volersi bene, un ulteriore incentivo ad attaccarsi alla vita.
      E Noi continuiamo con le idee perchè alla vita ci teniamo veramente tanto.
      Un abbraccio, lellina!
      Mary

      Elimina
  2. Cara Mary, davvero bellissima questa nuova avventura,mangiare sano è un ottimo modo di vivere bene la vita e farlo in compagnia è una cosa fantastica!!
    ps non mi stupisce che la referente sia tu ,ormai le tue dote sono sbocciate come un fiore a primavera!!!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Anto... quest'idea è esaltante proprio come un'avventura. Ormai non ci fermiamo più... e alla ripresa per l'autunno in cantiere c'è una valanga di progetti.
      Altro che triste gruppo di auto-aiuto, approdato all'"ultima spiaggia"!
      Non Ti sei stupita che la referente sia io... in effetti l'idea è partita da me, però ora grandi sono la responsabilità e l'impegno.
      Non si può deludere.
      Un abbraccio immenso...
      Mary

      Elimina