ottobre

ottobre
ottobre

martedì 1 gennaio 2013

LA SPERANZA HA DUE BELLISSIME FIGLIE : LO SDEGNO E IL CORAGGIO.
LO SDEGNO PER LA REALTA' DELLE COSE, IL CORAGGIO PER CAMBIARLE...
  (Pablo Neruda)


L'ultimo giorno dell'anno è andato via, segnato da una notizia molto triste e da emozioni contrarie al mio solito sentire.
Per un momento sono arrivata persino a pensare che questo continuo "farmi... di speranza" possa essere anche solo un'illusione per costringermi a non pensare e poter vivere così quello che mi è dato.
Ho vissuto la morte di Angelina come un lutto personale...
 Pur riconoscendo delle ultime fasi della malattia i segni inequivocabili, continuavo a... parlarle convinta... ce l'avrebbe fatta se non avesse mollato, volevo infonderle speranza.
Ora mi chiedo... ma lo volevo davvero solo per Lei?
Sapere della Sua fine poi, ha suscitato in me prima un dolore acuto immediato, seguito da rabbia e infine avvilimento, in un'armonia di sensazioni contrastanti.
E' difficile mettersi nei panni di Chi ha fatto un percorso difficile e significativo, per comprendere in pieno il senso di "perdita totale", di "vuoto" che si prova. E' come trovarsi a... ricominciare, e in questi casi è quasi una tragedia.
Ho ripercorso le varie tappe della "Nostra" amicizia... due anni e mezzo, straordinariamente un'eternità... e farlo proprio alla fine dell'anno è sembrato per certi versi un ironico scherzo della sorte.
Sarà così... o è un segno che non potremo mai dimenticarla?
E intanto penso ancora... voleva tanto vivere! e le brillavano gli occhi quando parlavamo delle aspettative future... del nipotino che a malapena ha visto in fotografia... dei Suoi capelli che sarebbero tornati come un tempo. Erano pochi attimi e quel luccichio si trasformava in due sole lacrime a rigarle il volto di una bellezza comunque mai persa.
Voleva vivere Angelina e questa Vita andata via, quasi "a togliere il disturbo", tanto contrasta con l'esistenza di Chi non la vive come dovrebbe e si aggrappa ad illusioni perchè non crede in sè e mai si stima.
Perchè non convincersi di vivere l' "adesso"... in modo semplice, lasciando che il Tempo faccia il resto?
E' così facile "abbandonarsi" a ciò che è... e lasciare che sia...
E' solo "coraggio" di Vivere.

5 commenti:

  1. Ora cara Mary che è iniziato il nuovo anno non ci resta che sperare che qualcosa cambi!
    Naturalmente in meglio, la speranza non muore mai.
    Un abbraccio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, caro Tomaso... si spera sempre per il meglio e che le attese non siano deluse... mai.
      Un grandissimo abbraccio per TE, Amico mio.
      Mary

      Elimina
  2. Vedi Mary lo scrivi anche tu: perchè non convincersi di vivere l'adesso in modo semplice, lasciando che il tempo faccia il resto? Non è così facile... La Vita è una continua lotta...
    Ho capito che era Angelina... è come se l'avessi conosciuta, merito dei tuoi racconti. Mi dispiace tanto per te, per lei e la sua famiglia... Ti sono vicina con un semplice abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara... io faccio questo, attendo che il Tempo guarisca le ferite e dia un aiuto a rialzarmi... ogni volta.
      Provare sgomento in certe occasioni è cosa naturale, questo non mi spaventa finchè riesco a superare tutto, rielaborarlo e farne ulteriore ricchezza.
      Se cado, anche all'improvviso ma poi mi rimetto in piedi, bella dritta, mi sento padrona di me stessa ancora di più.
      GRAZIE, Ale per le Tue parole e il sostegno che apprezzo moltissimo.
      Immaginavo che capissi all'istante a Chi mi riferivo... sei molto vicina alle mie emozioni e abilmente hai imparato a tenerle a mente.
      Un bacio.
      Mary

      Elimina
    2. Sei forte...
      Io ho una brutta giornata e non riesco ad alzarmi nemmeno dal letto... Baci.

      Elimina