dicembre

dicembre
dicembre

martedì 8 gennaio 2013

Forse pensavo che dopo aver scoperto la parte migliore di me, la realtà circostante sarebbe riuscita a stupirmi ancora di più. E invece mi stupisce sì... ma per il contrario. La osservo perchè non posso farne a meno e la trovo anche peggiore di un tempo... quando integrata in essa o quasi non mi accorgevo di quanto l'essere umano sappia farsi del male. Per egoismo, incoscienza e superficialità, anche se il tutto lo si vuol far passare per necessità di proteggersi... obbligo di rispetto... sopravvivenza. Ma come si può ragionare in questi termini quando sono in gioco dei sentimenti? Possono essere... "a metà", positivi e negativi nello stesso tempo? Per me... NO e nel modo più assoluto.
Si può dire di amare e intanto "menar il can per l'aia?"
Si può essere genitore... a patto e condizioni?
Posso ritenere di fare volontariato "serio", se penso a... quel tanto che basta, magari qualche ora... un po' di sorrisi e solo poche parole pensate davvero?
Che cosa mai si proverà a "voler bene part time"? Perchè sempre di tempo limitato, quasi determinato si tratta.
Sarò seria o profonda... pesante o addirittura "catastrofica" ma... non posso farci niente... a ragionar di questo mi prende lo sgomento ed è così forte da farmi salire il magone.
Non posso farci niente... sono così... e me ne rendo conto adesso e ogni giorno che passa sempre più.
Ma anch'io trovo il  modo di proteggermi  perchè la delusione non annienti il "buono" che c'è in me... mi rifugio nella realtà che "mi ha toccata"... che mi fece tanto male ed ora invece costituisce  il "mio rifugio".
Da stamane non faccio che leggere e rileggere un libretto  che mi è stato dato ieri all'incontro del gruppo GAMA... "Un pezzo di strada insieme", l'esperienza del gruppo di auto-mutuo-aiuto fatta lo scorso anno, primo di questo progetto dalla validità inconfutabile.
E' una "piccola opera" dalla "grande ricchezza"... leggo e rileggo e ci trovo sempre una "gioia" in più.
Chissà... se la condividessi qui, in questo "mio" spazio che poi non è solo mio ma pure di Chi ha la bontà di leggere... chissà come sarebbe accolta e giudicata!?

8 commenti:

  1. Cara Mary non giudicarti male e non vederti in quel modo che non ti piace! Tu sei bella così e tutti noi ti vogliamo così con il sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, Tomaso... sì, sempre col sorriso!
      Un abbraccio grande,
      Mary

      Elimina
  2. E tu provaci a condividerla! Perché no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che posso provarci, Ambra?...
      OK... allora ci proverò!
      Un abbraccio.
      Mary

      Elimina
  3. Quanto ti capisco amica mia...
    Sai come mi sento in questo periodo e non posso che esserti solidale.
    TVB..un bacio grande da me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, Costy cara, ma bisogna guardare avanti... procedere con saggezza e un pizzico... proprio roba di poco... di scaltrezza.
      In questo modo si dà più amore a se stessi e, incredibilmente... anche a Chi ci è vicino. E la serenità rende nuovo e più bello ogni giorno.
      TVB anch'io e un abbraccio stratosferico per Te, dolce Amica.
      Mary

      Elimina
  4. Un abbraccio a Costy...

    Lo stiamo facendo un "pezzo di strada insieme"... e se c'è qualche frase che può farci star meglio, puoi condividerla sei vuoi... io sarei contenta. Buona serata e un abbraccio cara Mary.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condividerò con Voi, Ale cara quest'altra mia "avventura", un pezzo di strada... di cui saranno mostrate le difficoltà ma anche i successi, i momenti bui e quelli di "luce".
      Un abbraccio fortissimo... solo per Te.
      Mary

      Elimina