dicembre

dicembre
dicembre

domenica 9 dicembre 2012

"Sono un bambino
che raccoglie conchiglie
e pietruzze colorate
lungo la spiaggia del tempo...
sono terribilmente soddisfatto
infinitamente appagato, felice:
non so chi sono, perchè non sono"
  (Osho)

Quando molti sentimenti s'affollano nell'animo e "strattonandosi",  l'uno cerca di prevalere sull'altro, vari stati d'animo si susseguono con gran rapidità quasi a far perdere il controllo e non capire più qual è la propria "valenza" e ruolo.
Sarò ripetitiva forse noiosa... questi sono giorni assai particolari per me... il "vecchio" si mescola col "nuovo" portando la "morsa" dei ricordi e l'ansia del domani.
Mi fermo a pensare e sento il cuore in gola... no, così non può essere non deve, allora ritrovo la calma e rifletto.
I ricordi sono il passato, l'"onda di ritorno" ma subito si accavalla un'altra più imponente che avanza fino a coinvolgermi del tutto e l'esuberanza sul finire della precedente si mescola con questa e le dà più vigore.
Ma perchè mai così raramente c'è bonaccia nell'animo mio?
Dovrei "farmi scivolare tutto di dosso" e ci tento pure ma è difficile quando non hai un attimo di respiro... difficile come per le onde del mare col vento sostenuto.
E ogni tanto torna il pensiero dell'ultima "delusione" con una "verità" a doppia faccia, la peggiore in assoluto... e poi il ricordo dei giorni di Natale di tre anni fa, e subito dopo l' "affanno" dei controlli che non finiscono mai... per la prossima settimana, i "marcatori" e il FOLLOW UP... finalmente e incrociando le dita.
Mi sento come Chi ha corso a perdifiato, sento la necessità di riposo, di ritrovare la mia parte "sorridente"...
solo una breve sosta.
Intanto l' "onda di ritorno" si perde nella vastità di tutto ciò che è stato ed ora è prossima quella che verrà.
Non devo fermarmi, devo continuare a... credere che il mare non può esaurirsi... che le "sue" risorse sono e saranno immense... sono Vita e non solo per me.
Ci credo.
Per un po' il mio Cuore si cheta... e torna il sereno.
Potrò anch'io raccogliere il " piccolo tesoro" che il mare della Vita finora mi ha donato.



3 commenti:

  1. cara Mary è belle leggere i tuoi racconti, e vedere le immagini, oggi l'immagine della spiaggia ha molto contrasto con la mia realtà!
    Oggi abbiamo nuova neve che si è aggiunta all'altra. Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Beh, si capisce caro Tomaso.... l'inverno è ormai arrivato.
    le immagini che posto fanno riferimento a situazioni e stati d'animo.
    GRAZIE, Amico caro per la Tua costante presenza.
    Un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  3. Cara Mary eccomi finalmente da TE... Il riferimento alle onde del mare che vanno e vengono, come i nostri pensieri... Lo trovo reale...
    Il mare non si esaurisce... Tu continuerai a... vivere e aiutare chi ha bisogno. Un abbraccio.

    RispondiElimina