ottobre

ottobre
ottobre

giovedì 6 dicembre 2012

Forse è bene che prenda un po' di caramelle...
Ero già sulla porta di casa, pronta per uscire quando sono tornata indietro e, in un bustina di carta ne ho messe a più gusti... per non sbagliare.
Veramente qualche tempo fa c'avevo già pensato, poi l'altro giorno la mia "compagna di banco" me l'ha anche suggerito. Un "sorriso" e una "dolcezza" non possono non spianarti la strada, e qualora per assurdo non fosse così, vale sempre la pena tentare.
Stamattina dovevo tornare in ospedale dalla mia Amica, "Ma che c'mport"... per Lei, giornata di chemio.
"Come sempre" le portavo le riviste, le caramelle senza zucchero e stavolta anche i biscotti all'amarena che piacciono sempre. E "come sempre" arrivata al piano ho trovato Suo marito ad aspettarmi davanti agli ascensori, anche se ormai è cosa arcinota che io salgo per le scale.
"Ma com'è che vieni sempre da là?" Dovevo rispondere? Ho optato per un sorriso ed un abbraccio e Lui, tutto contento ha voluto accompagnarmi alla ricerca della chiesa... là, il prossimo sabato ho un "primo appuntamento" importante per la "mia strada".
"Vedi... tu devi venire di qua, fai prima!" "Sicuramente mi perderò... ho un senso d'orientamento!" "Ma perchè ti devi perdere!? Vieni appresso a me!"
Sapete quante volte questo "simpatico marito" mi ha accompagnato cercando di farmi imparare la strada giusta? Infinite... e il rituale è stato sempre lo stesso, comprese le domande e le risposte... e il risultato? Pure...
Sembrano banalità ma questi episodi "ripetuti" nel corso dei mesi diventano... terapeutici. Stabiliscono e consolidano una "familiarità" che non fa sentire soli. Arriviamo a conoscerci così bene che... se non fosse da maleducati... ognuno potrebbe anticipare la domanda o la risposta dell'altro.
E' molto rasserenante.
Trovata la chiesa e smarrita al solito la strada, per cui mi ridurrò un'altra volta a chiedere informazioni, siamo tornati su... e mentre chiacchierando sistemavamo le "nostre" cose, riviste cellulari sciarpe e biscotti... mi son sentita chiamare...  "ciao... io sono dentro", " ed io vengo tra un po'"... ho teso la mano come segno di saluto e me la sono sentita sfiorare con le labbra sulle nocche.
Una sciocchezza?... per me no.
Dopo quasi un'ora... una "frase"... brava, Ti sei comportata bene... è così che devi fare!
Stima, affetto... fiducia, c'era "tutto" stamattina... una grande ricompensa per Chi in fin dei conti non fa grandi cose ma  vuole solo continuare a... essere sempre se stessa.

8 commenti:

  1. Veramente una bella idea di avere a portata di mano delle caramelle, prima di tutto si possono offrire alle amiche e poi anche per addolcire la nostra bocca, come dici tu.
    Buona giornata cara Mary.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcezze quotidiane che rasserenano il Cuore, Amico mio...
      Un grandissimo abbraccio,
      Mary

      Elimina
  2. La dolcezza del tuo raccontare rasserena. Buon fine settimana Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, Sandra per essere qui...
      In effetti hai ragione... ogni giorno cerco di addolcire le spigolosità del mio quotidiano per cogliere la serenità e trasmetterla a Chi incontro sul mio cammino o vive con me.
      Un caro saluto,
      Mary

      Elimina
  3. Delizioso aneddoto di vita.
    Grazie e buon weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna... che bello, addirittura ti sei fatta in tre per regalarmi un commento!
      Naturalmente scherzo e Ti ringrazio... poi auguro anche a Te un felice fine settimana.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  4. Delizioso aneddoto di vita.
    Grazie e buon weekend.

    RispondiElimina
  5. Delizioso aneddoto di vita.
    Grazie e buon weekend.

    RispondiElimina