dicembre

dicembre
dicembre

sabato 1 dicembre 2012

"mercoledì 1 dicembre 2010

Oggi, primo giorno dell'ultimo mese dell'anno ho provato la stessa sensazione d'inquietudine. E' stato un attimo e solo una sensazione..."

Così iniziava "il post del giorno" di qualche anno fa...
Il peggio era da poco passato, dopo la mastectomia e la chemio, conclusa un mese e mezzo prima, ricordavo,  rivivendole, le stesse strane emozioni che avevano anticipato "ogni cosa".
Quel latente senso d'insoddisfazione che mi aveva portato a cercare in mille modi e inutilmente, sbocco e gratificazione.
Ne avevo parlato già all'inizio, nel "post di apertura" di questo mio blog... il post che cominciava così...

"Sto per scrivere di qualcosa che all'improvviso ha cambiato il corso dei miei giorni e il significato della mia vita vissuta fino ad ora.
Tutto ebbe inizio a dicembre dello scorso anno.
Il primo foglietto del mese di dicembre, staccato lentamente dal calendario, mi creò una strana inquietudine. Già da tempo sentivo il precipitare dei giorni, dei mesi. Un altro anno stava passando, e si lasciava dietro uno strascico di acciacchi, ansie, paure, occasioni mancate.
Pensando al futuro provavo timore: i figli, mio marito, la mia adorata cagnolina, me stessa. Chissà come sarebbe stato questo nuovo anno per tutti noi, prospero, felice o almeno sereno?! Tali pensieri ricorrenti mi davano un senso di precarietà e procedevo nel mio agire quotidiano a piccoli passi per non cadere e avere sempre la possibilità di rimanere in equilibrio.
Non ero comunque serena. Ma perchè? Dovevo distrarmi, non pensare ed essere positiva e fiduciosa..."

In realtà così non fu... fino a quando cominciò "la mia storia".
Chi ha avuto costanza e pazienza nel seguirmi, ben conosce come la stessa si è evoluta, portandosi via... simile a vento impetuoso... inquietudine, insoddisfazione e tanto malumore.
Stasera rileggendo "i miei vecchi scritti"... stento a riconoscermi.
Chi "ero"... Chi "sono" veramente? Una "dualità" resa effettiva da un'"occasione estrema", una realtà comunque, perchè IO ERO QUELLA PERSONA e IO SONO QUESTA PERSONA, e tanto riesco a riconoscere la prima  in quanto mi affermo in questa che è... VIVA e PRESENTE, non statica e in continuo ed anelante divenire.
Tu sei una risorsa... mi è stato detto oggi... perchè "seminatrice di speranza".
Fino a questo punto, non avrei mai pensato.
E ancora... una "carta vincente".
Mi chiedo... ma nella domanda è insita la risposta stessa... per Chi mai potrei essere tale se non per la VITA stessa?





















8 commenti:

  1. Quello che sei ,lo sei sempre stata,forse il tuo motivo di insoddisfazione era proprio questo..non riuscire ad esprimerti al meglio ,assorbita completamente nel ruolo di moglie mammma e figlia...adesso sei Tu ..ma non per egoismo ...al contrario per gioia amore generosità..tutto cio' doveva prima o poi emergere...nel tuo caso la tua malattia ..trasformata in meravigliosa opportunità!!!
    Un bacio e buona domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Amica mia... "una meravigliosa opportunità" che vorrei sempre sfruttare al meglio. Chissà... se almeno per una parte sono sulla strada giusta!? Sai, non è tanto semplice... spesso l'entusiasmo che ha origine da un'autentica "rinascita" va a scontrarsi con qualcosa o più cose che non saprei nemmeno definire. Resti così, disorientata e delusa con la netta sensazione di aver sbagliato o per lo meno dover ricominciare tutto dall'inizio.
      Che dire? Anche questo farà parte della Vita... e perciò va bene così, sentendomi di questa Vita un "ingranaggio" che deve a tutti i costi funzionare.
      GRAZIE... come sempre e un abbraccio ti giunga forte e stretto.
      Mary

      Elimina
  2. Con affetto passo a salutarti ° ♥。* ° ˚ • ♥*˚•。* ˚ ˚✰˚ ♥* 。

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio con tutto il Cuore, lellina augurandoti una felice serata.
      Mary

      Elimina
  3. Cara Mary guardando fuori dalla finestra oggi penso a te!
    Sta nevicando e si vede un manto bianco che copre tutto! il segno che Natale sta arrivando con la sua atmosfera.
    Ciao con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie Tomaso per il pensiero...
      Sì... Natale sta arrivando e la dolce atmosfera che gli appartiene porta i pensieri alle persone più care.
      GRAZIE ancora e con tanto affetto,
      Mary

      Elimina
  4. Una parte della tua vita ...Il futuro sarà bellissimo, lo so! Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Anna Maria... quello che dici mi rincuora tanto.
      Stasera avevo bisogno di sentirmi dire qualcosa di gioioso... e proprio stasera TU SEI QUI.
      GRAZIE...
      Mary

      Elimina