ottobre

ottobre
ottobre

martedì 13 settembre 2011

Non vado presto in reparto... Al mattino tra follow up, prelievi ed inizio terapie c'è molto da fare, occorre tanta concentrazione e un discreto autocontrollo per gestire in equilibrio l'inizio di giornata. Non voglio essere d'impiccio e per questo arrivo a metà mattinata perchè so, essendoci passata, che a quel punto il più è fatto... le terapie sono iniziate e c'è maggiore tranquillità...
Tranquillità... è una parola che già da sè mette un senso di pace;  come è importante sentirsene avvolti quando si viene sottoposti ad un trattamento chemioterapico! Ben predispone corpo e mente ponendoli in armoniosa sintonia col mondo esterno... ed è tranquillità.
E tutto tranquillo era stamattina mentre percorrevo con discrezione il corridoio, sbirciando nelle stanze... In una, dalle scarpe riconosco Salvatore... "Ciao, Maria... hai l'affanno! Che cosa è successo?" "Salvatore, lo sai che non prendo l'ascensore... e poi, tanto per cambiare, anche oggi fa molto caldo. Mi siedo un po'... prendo fiato e ti tengo compagnia". Dal "trespolo" pendeva la flebo avvolta nella stagnola... "farmaco fotosensibile..." aveva detto una volta Dora... e così protetta non sempre si riesce a vedere chiaramente il livello del liquido all'interno. Come sempre abbiamo cominciato a chiacchierare... cioè io chiacchiero e lui ascolta e a volte gli scappa anche una risata, e ride di gusto e i suoi occhi azzurri cambiano espressione perchè si allontana la tristezza. " La flebo s'è svuotata... non ce ne siamo accorti... sai, Marta... chiacchieravamo..." "Ah, Mary... quante ne combini!" "Ho fatto ancora danno... vero?" E Marta ha sorriso, "Che dici?!" "Bene, allora... vado a fare danno altrove, in qualche altra stanza..." ho replicato scherzosamente e poi mi sono diretta ...
Grazia aveva detto che stamattina mi aveva cercato Fernando, il paziente operato alla laringe, che inizialmente non aveva accettato lo "stoma" che gli consentiva di parlare, era caduto in depressione manifestando più volte intenzioni suicide. Una volta avevamo parlato a lungo... un colloquio semplice... niente di filosofico, nessuna psicologia... riflessioni su quello che ogni giorno si osserva... si assapora... il gusto dolce-amaro della vita che proprio per quel contrasto mai può stancare. Stimola i cinque sensi... riempie il cuore di gioia anche dopo il dolore... capace com'è di far riemergere l'animo più abbattuto. Perchè vale sempre la pena di ritentare... ricominciare. Fernando stamattina ha portato cornetti e caffè e con la sua firma sul registro  ha scritto, "Oggi Fernando parla..." perchè finalmente si sentiva felice... era contento di aver fatto pulire lo stoma e la sua voce veniva fuori chiara e limpida... come un tempo. Durante quel nostro colloquio, tra l'altro, gli avevo detto, "... che importa dover schiacciare un bottoncino per farsi sentire? L'importante è esserci e voler farsi sentire... solo questo conta." Oggi nel salutarmi mi ha sorpreso a "voce forte e chiara", "Quando LA vedo, CARA SIGNORA, mi fa molto piacere, perchè LEI da estranea mi ha dato molto coraggio..." Mi son guardata intorno... "LEI... chi, Fernando?" "LEI, voi..." "Dammi del TU... non ti sono più estranea..." "Va bene... SIGNORA MARIA... perchè, è vero... LA VITA E' BELLA".
Beh... signora Maria... va bene lo stesso, un altro passo avanti è stato fatto.

13 commenti:

  1. Leggerti è sempre un emozione...che esperienze stai vivendo...gioia che dai...gioia che torna a te...grande Anima/Donna...sempre mi aiuta passare da Te il mattino..mi rinvigorisce l'iniziar del giorno...fortunate le Anime che si affacciano a Te...un abbraccio e un raggio di Sole..a presto..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. ciao Mary!!!Ho letto tutto d'un fiato e mi hai risollevato uin po il morale.Sono triste in questi giorni.Un'anima bella e giovane se ne è andata e chiedo anche a te di unirti alle nostre preghiere.
    Grazie per tutto quello che mi dai ogni mattina.
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. Mary..sono sempre più convinta che queste tue esperienze di vita sono un dono prezioso per chi legge e racchiuderle in un libro sarebbe fantastico...scrivi tanto bene che è un piacere leggerti sempre.
    Ciao tesoroooo!!
    Costy

    RispondiElimina
  4. ciao cara Mary, devo dare ragione a Costy!!!
    ho letto che non prendi l'ascensore... ma pensa te... neanche io... siamo sempre più vicine...

    RispondiElimina
  5. Ho letto il post precedente e poi questo: sai scrivere così bene.....è un incanto; riesco a percepire le tue sensazioni perfettamente e mi figuro anche ciò che descrivi , così bene. Hai una sensibilità immensa. In genere la sensibilità si affina nelle sofferenze, ma penso tu ne avessi già molta per tua stessa natura. Bene mia cara, ti lascio e ti auguro una buona serata, in totale serenità^__^

    RispondiElimina
  6. Ho dimenticato: auguri al tuo LUI e a te, buon onomastico, anche se in ritardo.

    RispondiElimina
  7. Tu non sei da meno... mia cara amica... credimi.
    Il Tuo porgerti con sensibilità e grande umiltà aiuta tanto anche me a distanza... immagino la fortuna di chi Ti capita accanto. Ti ammiro molto, sai?
    Con immenso affetto t'abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Nel mio rivolgermi a Dio ci sarà una preghiera in più... per quest'anima giovane e per tutte quelle dimenticate...
    Grazie a Te sempre, Pinuccia... il Tuo riscontro per me è grande gratificazione.
    Un Bacio,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Costy cara... grazie per le parole sempre troppo buone.
    Un libro, dici? Forse... ma non vorrei che fosse troppo pretenzioso e anche limitativo trasformare questa mia esperienza in una narrazione per capitoli o paragrafi. Essa... continua e sorprendente scoperta anche per me stessa, è un "work in progress" che ogni giorno mi rende un po' più ricca... di quella ricchezza che non ha prezzo.
    Mi fa comunque piacere condividerla con Tutti Voi... credendo molto nella sua forza ed efficacia, e, a quanto pare i riscontri mi danno ragione.
    Ringraziandoti ancora tanto... Ti abbraccio forte... MIO PORTAFORTUNA!
    Mary

    RispondiElimina
  10. Patrizia... di noi si potrebbe allora dire, "Separate alla nascita"... Beh, forse no... tu sei più giovane! Però il TUO e il MIO "sentire" possono dirsi "gemelli"... non sono nati in un giorno preciso... fluttuano nei nostri animi fino a confluire nella condivisione che ci ha fatto amiche senza conoscerci.
    Ti abbraccio forte... come sempre... lo sai.
    Mary

    RispondiElimina
  11. Paola... grazie grazie ancora. I Tuoi complimenti mi hanno commossa. Sai... scrivo di getto... col cuore... niente viene omesso, niente viene aggiunto, compresi i dialoghi che reputo importanti al fine di far percepire non solo le mie di emozioni. Mi sento facente parte di un TUTTO e TUTTO va descritto ed analizzato,e poi condiviso con il TUTTO che solo apparentemente è al di fuori di questa storia
    Sono felice che il mio intendimento sia così ben compreso... in questo modo sento di essere utile a qualcosa... a qualcuno.
    Con tanto affetto e stima ti abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  12. un bacio della buona notte..angelo amico mio!!

    Costy

    RispondiElimina
  13. Cara Mary, piacere di fare la tua conoscenza!Sono stata molto felice nel vedere che sei passata da me,e cosi' poi son passata io da te ed ho visto la persona bella e sensibile che sei.Commento questo post perche' lo trovo davvero toccante...e' vero: LA VITA E' BELLA nonostante tutto e vale sempre la pena ricominciare!!
    Ti abbraccio forte!
    Cri.

    RispondiElimina