luglio

luglio
luglio

sabato 6 febbraio 2016

UN LIBRO APERTO


Giuro che lo faccio spesso. Mi metto di fronte allo specchio, e guardandomi negli occhi mi chiedo a più riprese in un crescendo quasi da paranoia... ma IO farei mai una confidenza a me stessa?
Alt... vi prego di non dubitare oltre misura della mia salute mentale, sarò sotto certi aspetti pure un po' strana, non proprio comprensibile, ma "sdoppiata" certamente no. A volte prendo le distanze da me, per verificarmi... lucidamente mi pongo al di fuori, quasi incredula.
La ragione di questo preambolo? Mi sento "ricca" di responsabilità. Non carica, oberata ma ricca, come Chi sa di ricevere un dono ogni giorno, manco fosse il Suo compleanno. Perché?
Da qui la domanda che mi faccio spesso, soprattutto quei giorni in cui sono all'ospedale, ma anche negli altri quando si presenta l'occasione. E quell'espressione ricorrente... mi resta dentro, mi lusinga e intimidisce, a tratti mi inquieta.
Non l'ho mai detto a nessuno, questa è la prima volta. Non so perché...
Già, vorrei capirlo anch'io... che cosa porta a fidarsi di me. IO che fino a qualche anno fa non riponevo fiducia in alcuno dei pensieri che mi sfioravano, figurarsi nelle azioni. Imprese che si fermavano ad un "incipit" inconcludente. Mai concluse.
E' vero, bisogna essere messi alla prova per vedersi all'altezza delle situazioni. E tante prove vengono assegnate per consentire un "generoso recupero" di sé. Anche se lento e poco per volta.
Allora che cosa sarà che spinge Altri a confidare ciò che mai prima ha detto a nessuno? Forse quello che appare chiaro in un "libro aperto". Sincerità e Amore che non chiede nulla in cambio.
Quanto vale l'amore che si dona? Tanto. Quanto vale l'amore che si riceve? Ancora di più, perché viene dagli altri, a volte come un ritorno, altre in modo del tutto gratuito... per questo vale di più. Non sempre sono legati da una relazione di diretta proporzionalità, ma ciascuno brilla di luce propria, come stelle che si rigenerano continuamente di nuova vita.
E' bello e gratificante pensarla così. Peccato esserci arrivata solo ora, o magari questa idea in potenza era già nella mia mente, come sentimento già nel mio cuore, ed adesso prende tutte le mie giornate, tutto il mio tempo presente ed anche passato.
Finalmente una motivazione ed uno scopo.

Nessun commento:

Posta un commento