settembre

settembre
settembre

venerdì 5 febbraio 2016

DOLCEZZA ED ELEGANZA... DISTINTA INTELLIGENZA



Questa settimana sta volgendo al termine. Tra commemorazioni e solenni cerimonie è stato volgersi indietro di continuo con riflessioni e malinconia, ma pure ritrovare qualità, virtù e di conseguenza modelli da emulare, nel tentativo di sfuggire alla piatta ed insulsa omologazione di questi tempi.
Da quando infatti non sentivo parlare di profonda onestà, amore per il lavoro, devozione alla famiglia? Davvero tanto, nemmeno ai funerali si sprecano tante "belle parole". A volte pare di ascoltare la lettura di "modelli prestampati", e questo succede anche per il semplice motivo che non si conosce nulla della vita del "caro estinto", e qui le virgolette ci stanno per enfatizzare un'ironia ben comprensibile.
Persone che vivono nella chiusura del proprio egoismo, è più che naturale non si conoscano. Ma si muore Tutti, e la differenza la fa il modo in cui si è vissuto.
Per questo stamattina sono rimasta stupita così tanto. In chiesa non c'era tanta gente, però quelli che erano lì, me compresa, non hanno potuto fare a meno di annuire e pure vistosamente.
Quella "Maria" ormai vicina al secolo, non si è lasciata dietro molte lacrime ma solo nostalgia, perché manca la Sua presenza silenziosa, ed è vacante quel posto che occupava nella stanza. E' pieno di ricordi però il Cuore di ogni figlio, di valori trasmessi con l'esempio da una Persona che in quasi 100 anni è stata coerente col Suo dire. Anche se non camminava più e quasi non parlava.
Quindi... dolcezza ed eleganza non erano parole tanto per dire, ma le caratteristiche perfette di quella persona che così ricordo.
La Nostra fu una breve conoscenza, quasi fugace rapporto di sorrisi. Di Lei sapevo che non fu mai rassegnata, accettò cristianamente il dolore grande per la tragica perdita di un figlio e sopportò il vergognoso tradimento da parte del marito.
Fu grande nel voltare pagina con distinta intelligenza, continuando a... vivere con dignità.
Perdonò, e fu notevole merito accogliere di nuovo Chi era tornato da Lei solo per morire.
Perdonò col Cuore grande che solo sa dimenticare.

2 commenti:

  1. Consoliamoci guardando questo bellissimo fiore Cara Mary.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente, caro Tomaso.
      Buon fine settimana...

      Mary

      Elimina