settembre

settembre
settembre

venerdì 13 novembre 2015

NON SI RIAPRE LA FERITA


Emoticon heart 
Io sono fatta così, come strane spighe viola che si piegano al vento e invitano a seguire un nuovo colore di vita, che riesca a neutralizzare la rinascita del vecchio dolore.
Non esiste una sola spiga viola. Forse poche, pochissime persone come me... che conservano le foto dei momenti più brutti, l'ultima scatola vuota del farmaco dei cinque anni, continuano a... parlare di ciò che Altri hanno voluto cancellare dalla mente. Mi chiedo, tra l'altro se mai ci siano riusciti.
Qualche dubbio nutro a tal proposito. Qualche dubbio nutro anche riguardo me.
E' un continuo pormi domande, chiedermi soprattutto se sia giusto o meno il mio agire, andare in questo modo... fra l'essere capita e a tratti ignorata, passare dall'essere considerata a vittima dell'indifferenza. In realtà non chiedo né l'una né l'altra cosa, solo che mi si consenta di esprimere me stessa.
Dopo il risentimento, accomodante ma per mia scelta. Umile, ma non umiliata nemmeno con diplomazia.
Come adesso, sono sempre sorridente anche quando non ci sta, perché ho temuto per me il peggio e purtroppo continuo con altri a condividerne l'angoscia.
Tra alti e bassi, consapevole pur senza certezze, a volte mi sento sospesa.
E mi barcameno in un gioco di parti diverse in equilibrio.
E mi sento un funambolo che sta per cadere, dopo un po' si ricompone
e sicuro riprende il suo percorso precario.
O come un pugile che barcolla ma assolutamente non vuol finire a tappeto.
Però dopo un breve momento, riprendo ciò che mio. E non mollo.
Disagio è solo piccola sfumatura di un'esistenza mai uguale a se stessa.
Dovere non è che il semplice accomodamento alla volontà.
E poi... poi dimentico me stessa,
e l'Equilibrio un po' smarrito lo ritrovo, e con esso la Serenità e la Pace Interiore.
No. Non si riapre una ferita.
Per me non è così. Sono fatta alla rovescia, almeno per il sentir comune. Lo leggo negli occhi, lo intendo dai silenzi, nelle parole non dette.
Non è facile comprendere che Ansia, Paura... Dolore caricano di forza Chi se ne fa carico.
E all'Ansia si contrappone la Speranza...
alla Paura, la naturale fiducia...
al Dolore, il traguardo di una vittoria che non manca mai nel salvare almeno la Dignità.
Così continuo a... piegarmi ai venti mutevoli, il colore che mi porto addosso non sempre definito ma proprio per questo... per le modalità... solo mio.

Nessun commento:

Posta un commento