novembre

novembre
novembre

martedì 1 settembre 2015

OGNI INIZIO E' DURO... E POI?


Emoticon heart 
"Si dice che la prima frase di ogni discorso è sempre la più difficile. Beh, ora me la sono lasciata in qualche modo alle spalle. Ma ho la sensazione che le prossime frasi – la terza, la sesta, la decima, e così via fino all’ultima– saranno altrettanto difficili, dal momento che dovrei parlare di poesia. Un argomento su cui mi sono espressa molto poco, in realtà, quasi per niente. E, ogni volta che ho detto qualcosa ho sempre avuto l’oscuro sospetto di non esserne all'altezza..."
Così cominciava il Suo discorso la poetessa contemporanea Wislawa Szymborska al momento di ricevere il premio Nobel per la Letteratura nel 1996.
La prima frase è sempre la più difficile, come lo è qualsiasi inizio. Anche per me lo è tutte le sere, quando mi siedo qui per scrivere, l'idea c'è e i pensieri pure, però non so mai come cominciare. Non è manco raro che la butto lì, la prima frase e non mi piace, e la "cestino" sfiduciata per ricominciare. Un tempo avrei lasciato al primo tentativo, ora è diverso... non demordo, so che se pur con qualche difficoltà, ce la farò ad arrivare fino in fondo, perché ci credo.
Ecco che cosa fa la differenza per un buon inizio ed anche prosieguo... la fiducia in sé, il sentirsi adeguati per tutto, magari non alla perfezione totale... se proprio ci si vuole illudere di poterci arrivare... ma "sufficientemente perfetti" per raggiungere la meta.
Ad esempio stasera avrei voluto iniziare in altro modo, percepivo a mala pena l'emozione che mi avrebbe dato l'input, poi all'improvviso mi è venuta giù questa maniera. Quasi in automatico. Certo avevo le basi, conoscevo il discorso e l'autrice, un minimo occorre sempre, e forse è quel po' mai considerato abbastanza, a costituire il "trampolino" giusto per trovare coraggio e lanciarsi.
Ché mai potrebbe succedere se comunque osi?
E' il contrario se resti fermo a "crogiolarti" nel nulla, torturare la mente, perché puoi accorgerti di aver sbagliato scelta o decisione solo dopo averla presa.
Aver dato inizio ad un progetto, discorso... cammino vuol dire che almeno nell'intenzione c'è la volontà di farcela.
Il Coraggio viene poi, a poco a poco, e sono le soddisfazioni come gli insuccessi a richiamarlo. Alloggia in ognuno di Noi, ma nessuno se ne rende conto fino a quando non ce n'è davvero bisogno.

Nessun commento:

Posta un commento