luglio

luglio
luglio

martedì 18 agosto 2015

E DECISI CHE AVREI SCRITTO OGNI GIORNO



Emoticon heart 
Per dare un'anima a quel foglio bianco che era la mia vita allora.
All'improvviso si erano cancellati sogni e progetti, e la malattia accartocciando con stizza tutti gli anni passati, aveva lasciato una "nuova pagina", mai vista.
Che avrei potuto fare? Se avessi fissato lo sguardo su di essa, immobile e smarrita avrei finito col perdermi in allucinazioni, o sarei caduta in depressione, non più protagonista ma completamente vittima dell'evento.
Eppure per due mesi non feci altro che sbirciare verso l' "ombra bianca" e poi girare la testa dall'altra parte. Come potesse servire...
Poi quando fu il momento, decisa cominciai e da allora avrei scritto ogni giorno, a sera con la complicità del silenzio che avvolge persone e cose e isola dalla realtà comune al giorno, e l'oscurità che mette in luce solo i pensieri, quelli più nascosti e profondi.
Spesso ho scritto a lungo, pagine venute fuori quasi da sole, in cui tante volte addirittura ho rischiato di perdermi. Non sono mancate pure le tre o quattro righe, sintetica espressione di fugace emozione colta a volo.
In un paio di occasioni mi colse la stanchezza e il pianto, e fu tutt'uno cancellare quello che con fatica avevo scritto, poi mi riprendevo e sul foglio non più totalmente bianco una "briciola" di Cuore sempre restava.
Perché decisi che avrei scritto ogni giorno?
Cominciò come un diario, una cronaca di eventi inaspettati e dolorosi, poi tutto cambiò aspetto e si trasformò in un "chiaroscuro di emotività".
Sentimenti inespressi fino a quel momento, sensi di colpa e inadeguatezza, paura e angoscia, timida speranza e delirio di onnipotenza... un insieme di emozioni da lasciare per iscritto affinché Tutti potessero leggere, ricordare e imparare. La Mente è mistero come pure lo è l'Animo umano, ma nella complessità chiunque può riconoscersi e nei punti in comune ricavare risorse per sé.
Decisi di scrivere ogni giorno per poter esprimere senza timore né ritrosia quello che in una vita intera non avrei potuto o forse neanche voluto dire.

Nessun commento:

Posta un commento