dicembre

dicembre
dicembre

giovedì 23 luglio 2015

UNA FRITTATA SENZA PREZZEMOLO


Emoticon heart 
Prima che... succedesse ero da sempre prevedibile fino all'esasperazione, metodica da ossessione, testarda mi impuntavo a tal punto da non vedere per un problema soluzioni pur lampanti in alternativa ad un'altra più complessa e assai meno chiara. Ero così, almeno credevo.
Anche nell'organizzazione domestica seguivo quell'ordine tedioso che rendeva le incombenze più pesanti. Ogni sabato preparavo i menù per l'intera settimana, e guai a sgarrare, naturalmente solo col pensiero, subito con un "mea culpa" riparatore mi rimettevo in riga e mai più trasgressione... neppure col pensiero.
Ora invece, è tutta un'altra musica... non ho programmi, o meglio... l'unico programma è non avere programmi. E così sia.
Bene, così sempre in osservanza di questo nuovo "stile di vita", oggi ho preparato una frittata per domani con 5 uova rotte ieri, per giunta senza prezzemolo.
In questo piatto preparato in modo estemporaneo, in seguito alla rovinosa caduta di 6 uova ancora nel contenitore, c'è tutta la mia attuale nuova "filosofia".
Fronteggiare col minimo disappunto un inconveniente, recuperare la sostanza scartando proprio poco, cogliere il meglio e farne una risorsa. Anche se nell'immediato non serve, e non è tutto perfetto ma pensi che un tocco in più ce lo potrai mettere per renderlo "quasi" perfetto. E infatti nella frittata al posto del prezzemolo che mi mancava, ho aggiunto qualche foglia di basilico, ed ora profuma di più.
Ciò che è scontato spesso è piatto e annoia, mentre la novità dà quasi sempre un profumo diverso alla vita, che poi finisce col piacere.
Gli stessi sapori ogni giorno, la pigra sicurezza di ciò che si conosce a memoria e impedisce di sbagliare... e non ci sono più stimoli e sbiadisce la curiosità e l'ansia trepidante di un domani foriero di ricchezze.
Sono questi gli ingredienti giusti per invecchiare precocemente. Chi ha il ben dell'intelletto non se lo può permettere.
Deve ambire ed imparare, conoscere e sperimentare "ricette" alternative ai soliti sapori. Un "piatto forte" e tanti "assaggini" nuovi... forse un "ruolo" nella vita ma pure molteplici modi per esprimersi.
Si vive ogni giorno, tutto è neutro e può essere incolore. Tocca a Noi dare alle cose gusto e tono che siano decisi.

3 commenti:

  1. E' la filosofia di vita migliore, secondo me, imparare a gestire lo stress, anche minimo, come le uova rotte, è importantissimo per il nostro benessere, poi la frittata con il basilico è squisita, a me piace anche moltissimo con la menta

    RispondiElimina
  2. ...io ci metto l'erba cipollina. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Paola e Ale... vedete quante vie per un unico risultato?
    Così decine di strategie per superare ogni difficoltà.
    Non più il fine "giustifica" i mezzi, bensì il fine "valorizza" i mezzi.
    Un abbraccio ad entrambe... e grazie per il consiglio in più.

    Mary

    RispondiElimina