novembre

novembre
novembre

giovedì 22 gennaio 2015

LA MAMMA DI SEMPRE

Emoticon heart
Certo che è una bella responsabilità!
Qualcuno la definisce pure dolce, resta sempre di quelle importanti e anche gravose.
La responsabilità di una mamma.
Maggio è ancora lontano, e non è certo per celebrarla con "pensierini" di esasperata dolcezza, parlerò invece di quanto sia difficile mantenere un certo livello del ruolo. Qualunque sia la sua condizione, una madre ci rimette sempre.
Ne so qualcosa stasera, col braccio stanco e la spalla dolente al termine di una giornata in cucina, a preparare quelle poche cose ma buone che preferisce la mia "piccina". Torna domani, per un "intenso" fine settimana di... che si pranza e che si cena. Ma va bene così, non mi lamento... che ci sto a fare sennò?
Ricordo... il giorno che mi fu detto dell'"accidente", pensai subito a loro, i miei figli. L'idea di lasciarli per sempre non mi sfiorò, almeno non subito... però mi preoccupai del giorno dopo... sarei entrata in ospedale, come avrebbero fatto?... per mangiare, lavare, rassettare...
Mi ripresi al solo pensiero. Organizzarsi... dovevo organizzarmi per essere la mamma di sempre.
Mio figlio ricorda gli appuntamenti con la chemio come il periodo in cui mangiava meglio... pasta al forno ogni volta. La preparavo in anticipo... niente nausea per me, ultra felice il resto della famiglia.
Una mamma è sempre nel mirino... e se non mantiene la consegna come deve, ovvero... mostra cedimenti, fisime o s'impunta, immediatamente è allarme rosso... ma che succede!?
TU devi essere la mamma di sempre.
Altrimenti non dai coraggio o trasmetti l'ansia... trascuri i doveri e sono gli altri a dover assumerli... non dormi di notte e durante il giorno sembri una zombie. No... non va affatto bene.
TU devi essere la mamma di sempre.
E nessuno considera che una Mamma conosce bene i suoi doveri, mentre lascia nell'angolo più remoto i diritti... pensa, ci sarà tempo e forse quel tempo non lo vedrà mai.
Ha paura, tanta paura... non per se stessa, Lei sa gestire gli acciacchi come pure i dolori importanti... sorride sempre per smorzarla, quella paura. E piange in silenzio, al buio o sotto la pioggia, così le lacrime si confondono e può fingere ancora...
Ho conosciuto una mamma sul punto di non esserci più... era quasi sempre in uno stato di torpore. Una notte aprì gli occhi perché... non so come... si era accorta che sua figlia, seduta accanto al letto, si reggeva il capo con la mano...
Che hai... mal di testa? Sdraiati qui, accanto a me... riposa.
LEI... la mamma di sempre. Fino alla fine.

Nessun commento:

Posta un commento