novembre

novembre
novembre

venerdì 16 gennaio 2015

AUTOSTIMA E'... UNA TESTA TUTTA RICCI (una pagina della storia mia)

Emoticon heart
Scritta così prima della buonanotte... nulla di veramente nuovo in realtà, perché ho fatto tardi per una riunione straordinaria e ho potuto ben poco, e poi è stato proprio in quell'ambito che è venuta fuori, per una serie di confronti e coincidenze, e sempre pregnante, la riflessione di quanto importante ma nello stesso tempo "esposta a venti avversi", sia l'Autostima.
La mia, come è noto, è sempre stata alquanto scarsa... con la malattia è spuntata all'improvviso, quale "strategia di sopravvivenza"... non studiata a tavolino ma buttata fuori dalla coscienza stessa.
Così andava... un boccone amaro e poi un po' di zucchero, per mandarlo giù ed anche dimenticare la doppia sensazione sgradevole, l'ineluttabilità e lo sgomento. Non sempre funzionava.
E quando anche la zolletta non era poi così dolce, significava che avevo da lavorare un po' di più su me stessa. Ce l'avevo quasi fatta, e non potevo concedermi il lusso di fermarmi, dovevo continuare a... infondermi forza. L'avrei trovata nel recente passato, scoperta nelle meraviglie dell'esperienza quotidiana, una risorsa sempre nuova e inesauribile.
Tutto sembrava così lontano... tutto affrontato e superato...
A volte mi sembra ancora impossibile. Ed è sempre da questo punto che bisognerà ripartire per continuare.
IO MI AMO DI PIU'.
IO CREDO IN ME.
IO CE LA FARO'.
IO SORRIDERO' SEMPRE E COMUNQUE.
Stampai nella mia mente questi quattro "comandamenti" e da allora ripetendoli a me stessa ho imparato ad osservarli perché, ne ero consapevole fin dall'inizio, volevo vivere e la vita è sempre una conquista, per niente scontata, certe volte pure inaspettata, concreta e visibile nel raggiungimento di un traguardo all'apparenza lontanissimo.
Eh già, per esempio... chi se l'aspettava di vedersi poi, addirittura dopo un anno, con quei capelli incredibili?
Tanti riccioli del colore della cenere ancora calda che conserva qualche bagliore di luce... alla vista altrui, molto belli, per me, solo "finalmente i miei capelli", e basta.
Mi guardavo allo specchio ogni giorno, più volte al giorno, straordinariamente vanesia, fortemente incredula.
Mi pareva la testa di un'altra.
Mi guardavo allo specchio e mi piacevo e questo non era mai successo prima.
Penso davvero che i colori della vita non siano tinte definite... tutto nero o tutto bianco, per intenderci, esistono le sfumature, le tonalità che rendono ogni suo aspetto meno drammatico e molto più accettabile, così pure meno superficiale e molto più serio, dipende... ma la vita è bella anche per questo, stimola sempre a guardarsi intorno, a guardarsi dentro.
E s'impara tanto, e non esiste più la paura, l'isolamento e avvicinarsi agli altri diventa la cosa più naturale e facile al mondo. Quante persone, infatti ho conosciuto e quante ancora ne conoscerò, e sempre non saranno semplici conoscenze fugaci ma vere e proprie relazioni umane, vissute in tutto... ansie, gioie e pure nel caso ci fossero, delusioni.
Col tempo ho imparato la "giusta misura" del coinvolgimento, necessaria per non crollare e oggi mi riconosco una forza nuova che mi protegge da ogni forma di pessimismo, pericoloso se si vuole essere compagni di percorso accanto a chi vive un momento di dolore.

5 commenti:

  1. L'autostima è una conquista e le legnate arrivano presto, basti pensare a quanti bimbi e ragazzi soffrono per la poca o mancante stima di sé, ma a quell'età è "fisiologico" , anche se la sofferenza è reale.
    Anche per noi adulti la strada è in salita e le risorse, come dici tu, possono dipendere da situazioni inaspettate: w i riccioli , Mary!
    :-) Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, cara Marilena!... ed è in salita sempre perché non si finisce mai di crescere.
      Grazie e un abbraccio...

      Mary

      Elimina
  2. anche io dopo 10 mesi ho visto i miei nuovi capelli riccissimi, mentre prima erano lisci. A me piacciono tantissimo e li adoro, anche se però sono riccissimi non del colore di prima ma vabbè non importa, l'importante è poter sentire di nuovo il vento tra i capelli
    Annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero... una stupenda sensazione, per niente scontata.
      Ti abbraccio.

      Mary

      Elimina
  3. L'autostima mi è sempre mancata.
    Con il tempo, con gli anni, ne ho preso coscienza e ho cercato di crearmela, ed ora la tengo ben stretta, come un vestito cucito addosso e che non voglio più togliere.
    Ciao cara, sei molto in gamba.

    RispondiElimina