dicembre

dicembre
dicembre

lunedì 3 novembre 2014

MITE SILENZIO


Da quando tutto iniziò ho imparato a rivalutare il "silenzio". Mi piace sentirmene avvolta. Evito persino di accendere la televisione per non romperne l'incanto, e mi sento protetta in uno spazio tutto mio.
Non mi accorgo di essere sola... affatto... perché il silenzio ha il volto di tutte le persone care che non ci sono più, ma anche di quelle che ho conosciuto "grazie" alla malattia.
Il silenzio sussurra, parla con le loro voci, mi conforta con il calore dei ricordi che nonostante tutto non voglio cancellare, nessuno escluso. Ho imparato tanto... sono persona nuova che guarda comunque benevola al passato...e il silenzio me lo rammenta.
Ero in silenzio poi e ho pensato... ricordato il "dolore" di Chi ora non è più. Quel dolore che fece scendere all'improvviso il silenzio, senza neppure una parola per giorni... fino all'ultimo dei giorni.
Capitò con mia madre, grande chiacchierona che aveva parlato anche con un' emorragia gastrica in atto... all'improvviso, negli ultimi dieci giorni di vita, solo "umidi sguardi" e lunghissimi silenzi.
"Mamma... non dici niente, non parli più?", le chiedevo. E Lei faceva spallucce e girava il capo da un lato.
Di recente fu la stessa cosa con Assunta e Stefania... negli ultimi tempi non ci vedevamo a causa della gravità delle condizioni, ma comunicavamo con lunghi messaggi. Poco prima che volassero via... furono solo messaggi senza risposta.
Il silenzio che scalza la voglia di vivere, di continuare a...fare tutte le belle cose che davano gioia, il piacere delle piccole sensazioni...le gocce di pioggia che scivolano sul viso... i fiocchi di neve come farfalle leggere davanti agli occhi... l'inebriante profumo dell'erba tagliata a primavera... la luce sfolgorante del sole d'estate.
Come se non si avesse più niente da dire, o al contrario se ne avesse troppo... tanto da non poter essere contenuto ed espresso in parole.
Ma io sono qui.
Mi ascolto e presto ascolto alla quiete di questa ora tarda.
E continuo a... farmi coccolare dal "silenzio", lo so... è mio amico ed io non lo rinnego.

4 commenti:

  1. Un pensiero per chi ci ha lasciato.... Un abbraccio Mary, una serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio grande, Ale... e grazie sempre

      Mary

      Elimina
  2. anche io ho riscoperto il silenzio fuori, ma che parla dentro
    Annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Annamaria cara... è rifugio e strategia.
      Appartiene a un mondo nuovo da scoprire.
      Un caro abbraccio...

      Mary

      Elimina