maggio

maggio
maggio

mercoledì 13 febbraio 2013

... Solo Chi ha avuto la fortuna di vivere un rapporto "speciale" con un animale domestico può capire ciò che si prova quando lo si perde: è un filo che si spezza, è come se il cuore battesse a metà...




Tommy ha finalmente trovato la pace che non riusciva ad avere senza la sua padrona...
Si può morire per amore.








Del mio amore per gli animali ho parlato tante volte in questo spazio... non mi dilungo ora per non ripetermi ed apparire scontata a Chi, come me ama queste creature, e stucchevole a tutti gli altri.
Qualche riflessione però voglio concedermela, non posso esimermi dopo aver letto la notizia della morte di Tommy, splendido "cagnolone" morto di crepacuore... per troppo amore.
Quando adottiamo un piccolo amico la gioia è tanta ed aumenta col passar dei mesi e poi degli anni...  ad un certo momento però si comincia a pensare che il tempo passa troppo in fretta e che purtroppo il "Nostro compagno" invecchia e prima o poi dovrà lasciarci. Come tutti gli esseri viventi, del resto... prima o poi, si capisce... però il Cuore prima della Mente si ribella e vorremmo cambiare l'ordine delle cose... poter "partire insieme" per il ponte dell'Arcobaleno. Ciò ovviamente non succede "quasi mai"... ed è l'uomo "quasi sempre" a restare solo, e "a volte" anche se di rado l'amico fedele.
Capitò a me... quando Betty, la mia cagnolina morì proprio quando mi ammalai di tumore, anzi c'ammalammo insieme, lo stesso giorno... un'antivigilia di Natale. Poi spirò all'Epifania... perchè potessi curarmi e non mi dessi più pensiero per lei, così cagionevole e morbosamente attaccata a me da non poter stare lontana neanche un giorno. Figurarsi se non ce l'avessi fatta! La sua morte fu quasi un segno del destino  e lo stimolo a combattere con più tenacia.
E' capitato a Tommy, un grosso meticcio che due mesi fa aveva perso la sua padrona e da allora ha continuato ad... aspettarla nella stessa chiesa dove era stato celebrato il funerale. Per tutto questo tempo ormai nessuno ci faceva più caso, era normale che fosse lì ogni giorno ai piedi dell'altare... ma l'attesa vana, la mancanza di quell'affetto insostituibile l'ha indebolito e fragile si è lasciato andare fino a morire.
Si è spento ieri Tommy e la sua morte ha fatto notizia... perchè l'amore incondizionato, straordinario in ogni tempo, oggi lo è ancor di più, per gli uomini... s'intende non certo per gli animali che conoscono solo quello... senza se, senza ma... senza alcun patto o condizione.


                                                         

4 commenti:

  1. D'amore si muore... Ne sono certa! E lui, povero Tommy, lo ha dimostrato più che mai... E anche la tua Betty ....ha voluto lasciarti libera di curare te stessa...è stato un bellissimo atto d'amore.
    L'amore incondizionato, è quanto di più bello possa esserci.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ci si ritrova a parlare dei "Nostri amici" sembra narrar favole, non sempre a lieto fine ma talmente dolci da non lasciare tristezza. Piuttosto rimane la grande nostalgia per una piccola grande creatura che tanto ha donato e sicuramente non avrà ricevuto in cambio altrettanto... perchè, mia cara Paoletta per quanto ci sforziamo non riusciremo mai a raggiungere un livello così alto di amore disinteressato, che si nutre di se stesso e tanto gli basta.
      GRAZIE, Amica mia e un grandissimo abbraccio di Cuore.
      Mary

      Elimina
  2. Ciao Mary,
    dopo una breve latitanza rieccomi.
    Che dolce era la tua bimba,mi permetto di chiamarla così perchè le mie gattine per me sono le mie bimbe.
    So quanto fa male per noi umani la perdita di un esserino indifeso e penso che per Tommy sia stato lo stesso se non peggio,ha commosso tutti con la sua storia.
    Mi auguro che sul ponte dell'arcobaleno abbia trovato la sua padroncina ad aspettarlo.
    Baci,
    Letizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente sarà stato così, cara Letizia.
      Tommy non poteva vivere senza la sua padroncina e c'ha creduto di poterla raggiungere tanto che si è lasciato morire.
      La mia piccola Betty per quattro anni ha rischiato più volte di morire, poi si era salvata... un po' come l'araba fenice riusciva sempre a riprendersi. Dicevano che era il mio amore a tenerla in vita... lei ha voluto ricambiarlo con il suo, dicendomi addio.
      Basta... altrimenti mi commuovo. Betty resterà per sempre nel cuore e nei miei pensieri.
      Ti abbraccio forte.
      Mary

      Elimina