luglio

luglio
luglio

giovedì 21 febbraio 2013

Siamo Noi a dare ordine alle nostre cellule su come comportarsi, è il nostro cervello a farlo? Forse...
L'Ottica diversa delle cose (imm. dal web)
  (cit)







Una volta che hai consapevolezza di una situazione o condizione, allora sì... e dal modo con cui l'accetti e vivi gli "ordini" saranno "giusti" o "sbagliati", per essere precisi, "proficui" o "dannosi" per gli stati d'animo... la psiche.
Psicologia spicciola che nasce osservando la realtà con cui ci si confronta, guardando dentro di sè... atteggiamenti mentali che si trasformano in comandi... possiamo azzardare?... in comandi per le cellule e finiscono con l'influenzare anche il fisico, se positivi... a migliorarlo pur in condizione svantaggiata, in caso contrario a peggiorarlo. Sarà così che vengono fuori pure i cosiddetti "disturbi psico-somatici", reali e concreti senza una vera e propria patologia. Viene allora confermata la tesi sostenuta dall'esperto americano di anatomia e biologia cellulare, Michael Gershon... del "secondo cervello" che vive nel ventre di ciascuno e regola stress, ansia e tensione, pare anzi che sia proprio il cervello addominale in grado d'influenzare lo stato d'animo. Secondo l'esperto i due cervelli, quello encefalico e quello addominale, devono cooperare altrimenti è il caos e tutto l'organismo ne risentirà.
"E' TUTTA QUESTIONE DI TESTA"... l'ho ripetuto a me stessa nei mesi che via via son trascorsi, trasformandosi in anni forse grazie anche a tale esercizio, e alla fine suona come uno spot, ora che continuo a dirlo alle persone che incontro e sono visibilmente tese se non addirittura angosciate.
Capisco che immediatamente può sembrare una specie di frase fatta, tanto per dire... non è facile capirne subito il senso e l'applicazione pratica, la "mente" talvolta è così ostinata! Ma riflettiamo...
Questa cosa MI PESA... questa persona MI PESA.
E un atteggiamento così influisce molto sul Nostro modo di porgerci, sul Nostro ottimismo, sulla Nostra volontà in generale, quindi...
Consideriamo il caso contrario, fosse anche per acquisire uno splendido sorriso nelle difficoltà... proviamo ad invertire la situazione...
MI E' LEGGERO FARE QUESTO... MI E' LEGGERO ACCETTARE TALE PERSONA.
Cambiare l'ottica delle cose migliora la vita, perchè vediamo tutto meno negativamente e alla fine ci convinciamo da soli che si può fare, che non è così pesante come sembrava.

2 commenti:

  1. Quanti occhiali dovrei comperare per cambiare l'ottica delle cose? Scherzo... Ma questo post mi rispecchia, i miei disturbi sono raddoppiati, testa e pancia. E' proprio vero quello che hai scritto... Un abbraccio cara Amica, vorrei poter pensare positivo, almeno un po'. Grazie che ci sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara, ripeto... è tutta questione di testa!
      Forse ripeterselo più volte, farebbe bene non solo a Te. Molti si piegano su se stessi, anche se per valido motivo... non conviene.
      La sofferenza aumenta a tal punto da restarne schiacciati e crearne dell'altra...
      E' TUTTA QUESTIONE DI TESTA... basta convincersene e sorridere almeno tre volte al giorno. Ottima ed efficace terapia... credimi!
      Un sorriso ed un abbraccio solo per TE, Ale cara...
      Mary



      Elimina