novembre

novembre
novembre

lunedì 1 agosto 2016

POLVERE DI STELLE E FOGLI SPARSI AL VENTO


Ogni tanto ci ritorno, e non mi fa poi tanto male. Anzi, è quasi di conforto e stento a credere che tutto quanto costituì il buio più intenso che precedette l'alba, mi diede così grande angoscia e dolore.
E' che da allora ne ho viste e sentite tante che quel che fu per me ora appare poca cosa. Sarà perché col tempo sbiadiscono i colori. Sarà perché si attenuano i dolori.
Nell'ultimo periodo poi ho perso più di qualcuno cui ero affezionata in modo particolare, il ricordo quindi di conversazioni, confidenze e slanci emotivi stringe come una morsa, allorché mi si parla di Loro... si racconta.
Oggi proprio ho pianto. E sono state però lacrime che mi hanno scosso e fatto bene. Subito dopo, una telefonata che mi ha riportato alla realtà presente, a ciò che sono e faccio e non mi consente cedimenti.
Ieri proprio mi è stato detto, anzi ripetuto perché non è la prima volta... ma tu, come fai?
Avrei voluto rispondere, non lo so. Anche perché davvero non lo so, ma sono questi i momenti in cui è meglio tacere per non mostrare vulnerabilità soprattutto a se stessi. Già... ché se una cosa la fai o dici di continuo, finisci col convincertene, e se è buona va bene, altrimenti sono guai. Così sono rimasta zitta, ma poi...
Poi stasera... dopo l'opportuno silenzio di ieri e il pianto commosso di oggi... mi sono resa conto che la misura era colma. Se solo una piuma si fosse posata lieve, avrei avuto un sobbalzo e Mente non avrebbe più pensato, e Cuore mai più provato emozioni.
Allora ho cercato altrove, o meglio sono tornata indietro ma è stato quasi un caso. Mi sono trovata davanti al primo "diario" di questa mia storia, il cartaceo le cui pagine ormai stanno prendendo il colore del Tempo. Ho cominciato a sfogliarlo... ho letto alcune pagine, mi sono intenerita per qualche scarabocchio a correzione... ne sono venuti fuori nomi e numeri di telefono, appunti e pensieri miei e citazioni altrui. E tanto Cuore.
Così è stato come rimettersi in moto dopo aver temuto un grosso guasto al "motore", e senza alcun intervento. Almeno credo. Comunque non di certo, mio...
Anche in questo caso sicuramente lo sa solo Iddio.

Nessun commento:

Posta un commento