luglio

luglio
luglio

mercoledì 24 agosto 2016

L'ARIA FRESCA LO PERMETTE

E' rinfrescato proprio in queste ultime ore, dando quasi la certezza che la stagione calda sia alle spalle. Poi sarà così o no, staremo a vedere... però queste fasi di passaggio più o meno graduale permettono di riflettere, ricordare e apprezzare.
Poco fa ho scritto un pensiero che ho pure condiviso...
"Alla fine di ogni giornata, annota alcune buone cose che sono successe. A volte creare un'abitudine rende più facile apprezzare i lati positivi della vita".
Poi l'ho riletto soddisfatta... di sicuro me l'aveva suggerito il mio inconscio sempre in "frenetica attività". Perché effettivamente è cosa, questa dell'annotare, che faccio sempre, e poi l'estendo, nel senso che i miei bilanci non sono giornalieri, almeno non solo, ma pure settimanali, mensili... ogni fine anno. E non è stato sempre così, perché prima perdevo gran parte del tempo a constatare quello che mi mancava e rincorrerlo sempre senza esito. Visto che l'avevo già ma non riuscivo a vederlo.
Bene, ora che è diverso, trovo e quindi annoto il bello e il buono nella "normalità", soddisfo "capricci" semplici con quel che mi ritrovo, lo faccio immediatamente come mi salta in mente.
Nel pomeriggio, ad esempio... visto che l'aria fresca lo permette, mi è venuta la "sana voglia" di brodo vegetale, quello che preparavo ai miei bambini durante lo svezzamento e poi ho riproposto a me stessa per la "rinascita". Quando mi sentivo fragile, vulnerabile, incerta sul mio futuro e bisognosa di "coccole speciali". Non mi mancava sicuramente l'affetto, ma serviva quel di più che solo io... consapevole ed attenta ai miei bisogni... potevo darmi.
Che ricordi... sembrano appartenere ad un'altra vita, non mia... di Altra da me. E pur sono io. Mi riconosco ora come ero, e poi sono diventata.
Buono questo profumo, mi riporta ai sabato mattina d'inverno... ha esclamato mio figlio, entrando in cucina... ma è già settembre?
Non proprio, comunque è alle porte, quasi dietro l'angolo. Ed è meraviglioso constatare di poter ancora una volta svoltarlo, quell'angolo.

Nessun commento:

Posta un commento