aprile

aprile
aprile

giovedì 18 agosto 2016

OGGI... RELAX (ovvero l'altra faccia del riposo)


Uno dei Nostri mercoledì sempre nostro ma diverso.
Nessuna uscita fuori porta, all'apparenza un giorno come un altro.
Dai, visto che dobbiamo è l'occasione per riposarci.
Riposarci...? L'ho vista improbabile come cosa, con una figlia in partenza che torna al nord, a casa Sua, dopo le vacanze ferragostane coi genitori. Ecco, lei si... lei si è riposata, ha fatto qualcosa di diverso, per me... niente più di tanto. Ma non mi lamento, mi va benissimo così. Sono piena di tante e tali cose che mi occorrerebbe una giornata di almeno 36 e non 24 ore, cose che mi impediscono di pensare a quello che potrei avere e non ho.
Quindi dicevo... figlia in partenza, l'altro figlio momentaneamente assente e tempo contato in termini di minuti. Comunque alla fine ce l'abbiamo fatta, e nel primissimo pomeriggio eravamo in stazione per gli ultimi saluti in diretta.
Quando il treno è partito ho visto una mamma piangere mentre agitava la mano. Piangeva. Io ormai non piango più, e non perché il tempo trascorso mi ha regalato l'abitudine. La malinconia mi prende sempre, ma non piango perché sarebbe esagerato ed ingiusto. I miei figli partono per poi tornare...
E superata questa partenza, siamo tornati trafelati a casa. Pranzo in ritardo e poi mi è venuto in mente che oggi era il compleanno della Nostra cagnolina, a tutti gli effetti componente serena e rasserenante della famiglia. Sette anni di gioia semplice e insostituibile, terapia inconsapevole, indolore e senza effetti collaterali per tutta la famiglia.
Beh, quest'anno è andata così... solo un pensiero e senza candeline. Ogni tanto qualcosa cambia, non è mai un dramma e si guarda al domani. Perché c'è sempre un domani per tornare indietro, riparare e ricominciare.
Come ho ricominciato io... e pure oggi, passando la serata a ramazzare negli spazi ormai liberi della mia casa, illudendomi così di poter colmare gli immediati ed inevitabili vuoti.
Per una mamma è così. Una mamma che va avanti negli anni, è stanca e vorrebbe riposare ed essere più libera dagli impegni familiari. Ma poi più forte è l'Amore, quello unico che contraddistingue ogni madre, tipicamente incondizionato. Che è poco esigente, non chiede molto, solo quel tanto che basta per durare nel tempo.
Si è fatto tardi. C'è Chi mi ama e chiama.
Anche questo Mercoledì si è concluso. Mentre è già pronto tutto quel che serve domani.

Nessun commento:

Posta un commento