agosto

agosto
agosto

giovedì 21 aprile 2016

SI... VIAGGIARE




"... evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle Tue paure...", cantava il grande Battisti che il senso alle sue canzoni non faceva mancare, con le stesse parole stasera comincio io che alla esistenza voglio aggiungere continuo e rinnovato significato.
Così anche una delle Nostre semplici uscite del mercoledì, diventa un'occasione per perdersi con e nei pensieri, e poi trovarsi nelle riflessioni che chiudono la giornata. Ed è già un grandissimo privilegio riuscire a fare tutto questo, averne volontà, non stancarsi di guardarsi dentro e intorno... sentirsi bene e capaci in qualsiasi posto, al massimo solo un po' disorientati. Ché anche questo ci sta, a patto che dopo persi ci si si riprenda, per continuare.
Oggi mi è capitato di fermarmi per uno scatto. Mi aveva colpito una frase scritta a grossi caratteri su un muro. Sai, quando anche distratto ad un certo punto è come se Qualcuno prendesse di forza la testa e te la voltasse proprio in quella direzione, quasi fosse l'unica possibile?
Bene, così è stato per me... perciò non ho potuto fare a meno di fermarmi, e poi... fare una foto a quella grande lavagna non abilitata ma chissà da Chi violata.
Cinque passi indietro, tre di lato... ancora un paio indietro e un mezzo giro di busto, e... click. La foto è fatta, rapida visualizzazione... può andare. E poi vuoi mettere il senso letterale e quello meno che trasmette?
Ma... dovevamo riprendere la strada, e quei pochi passi fuori programma, e il mezzo giro, e il guardare come fosse venuta la foto... tutto questo, dicevo... mi hanno fatto perdere l'orientamento. Di mio già non sono granché dotata, e se non ci fosse stato mio marito ed io non avessi preso per riferimento degli scalini, ora sarei altrove. Di certo non qua a scrivere e neppure su quella striscia di terraferma tra il lago e il mare... ecco, forse nel mare o nel lago?
Chiaramente è un' "esasperazione" del discorso, un tentativo di farne come sempre una metafora della Vita.
Puoi viaggiare con la mente, vagare tra i pensieri più strani quando ti si prospettano alternative non troppo diverse, scelte quasi obbligate e all'apparenza senza uscita, ma alla fine una Mano arriverà sempre in Tuo soccorso. Assolutamente sarà così. Risolverai o meno, ma in "quel durante" non sarai mai solo.
"Sempre nella mia Mente, per sempre nel mio Cuore.
Io sono con Te in ogni passo che fai."

Nessun commento:

Posta un commento