settembre

settembre
settembre

mercoledì 20 novembre 2013

La corsa ad ostacoli

Il tempo passa, è vero... ed è meravigliosa tale consapevolezza, quando una volta hai pensato invece che a breve avresti messo un punto fermo.
E' bello anche se Ti vedi invecchiare, persino che Te lo dicano... è semplicemente stupendo.
"Quali terapie ha fatto, signora... oltre la chemio? Attualmente prende il Femara ma non Le hanno prescritto qualcosa per bloccare...", a questo punto la dottoressa che doveva effettuare l'ecografia si è fermata, "...ah già, quanti anni ha?... che deve bloccare più...", e mi è venuto da sorridere ricordando quello che mi fu detto prima di cominciare la neo adiuvante... ero fortunata perché ormai in menopausa, un punto in mio favore ed uno di penalità per la malattia.
Stamattina poi, alla fine dell'esame... che sollievo sentirsi dire che tutto procedeva per il meglio, il male "ben sopito" speriamo "morto" e "pietosi" gli effetti collaterali della terapia... tutto insomma come età comanda e a me va benissimo così.
Certo è che da quel dì che "mi conciliai" con la chemioterapia, congedandomi da essa, la sensazione di dover affrontare di continuo una corsa ad ostacoli non mi ha mai abbandonato. Ogni sei mesi puntuale arriva il periodo dei controlli ed è come se si parassero tutti insieme, quegli ostacoli, uno dopo l'altro... uno più alto dell'altro. Poi arrivo in prossimità, quasi ad occhi chiusi per non pensarci e vivere il momento come in un sogno... faccio l'ennesimo salto, e li supero... uno dopo l'altro... ed è fatta.
Oggi una gara ad ostacoli, un giorno di tre anni fa definivo quella "parentesi", altro tipo di competizione... addirittura l'"olimpiade della mia vita".
Finora ho vinto, e continuerò a... mettere l'impegno giusto per vincere ancora, qualunque possa essere la prova che mi si prospetterà.


2 commenti:

  1. Sono contenta che va tutto bene cara Mary.... Scusami, non sono molto in forma e non riesco a venire sempre.... (ascesso ad un dente, febbre, antibiotici, ecc.ecc.)
    Ti mando un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non devi assolutamente preoccuparti, Ale... devi pensare a Te stessa.
      So che mi pensi come io penso a TE.
      Un abbraccio forte...
      Mary

      Elimina