luglio

luglio
luglio

sabato 16 novembre 2013

Figurine

"Buongiorno... vorrei cinque bustine di Peppa Pig e cinque di Champion..."
Ero all'edicola, accanto a quel papà che comperava le figurine per i Suoi bambini e istintivamente mi sono voltata a guardarlo... però senza dare troppo a vederlo. Che c'era di strano, infatti nel comperare figurine da collezionare, a parte il fatto che sono destinate a moltiplicarsi per non completare mai una raccolta?
Nulla di strano quindi... per me anzi è stato immediatamente tornare indietro nel tempo, quando le bustine le comperavo anch'io per i miei bambini.
Ma non solo questo...
Stamattina in reparto... il solito affollamento. La rabbia che mi fa ogni volta constatare con sgomento che c'è crisi solo per l'economia, neanche a pensarla riguardo a questo male... maledetto ed impietoso. Persone che devono far la fila pure per la chemio a causa della mancanza di posti letto, in un sistema che fa dell'inversamente proporzionale la sua regola base. Risultato: effetto collaterale della terapia potenziato da un voltastomaco costante che si preannuncia ancora prima di iniziare.
Pensavo a questo e come sempre mi prendeva quella ridda di sentimenti contrastanti che credo proprio non mi lasceranno mai. Gioia per la mia condizione attuale e pudore per un privilegio che spero sia per sempre ma vorrei anche condividere con Altri... Tutti quelli che incappano in tale disavventura.
Soprattutto con Chi davvero ingiustamente si trova a viverla.
In una delle "mie mattine" grande è stato lo stupore misto al dispiacere, entrare in una di "quelle" camere e notare subito, immediatamente sdraiato sul letto un "ragazzone" alto e robusto... accanto a Lui, la Sua mamma. Era alla prima chemio e non so perché ne sono rimasta particolarmente colpita...
"Quanti anni hai?", "Ho 28 anni...", l'età di mio figlio... ho pensato ed ho ingoiato a vuoto ed  ho guardato quella mamma... però senza darlo troppo a vedere.
Che c'era di strano nel vedere un bel ragazzo di un metro e novantadue, steso su un letto con un ago nel braccio a combattere per la Sua vita? Tutto... c'era di strano!... la malattia, l'età, il Suo apparente vigore, anche che fosse la mamma ad accompagnarlo per questo percorso difficile.
I contrasti apparentemente crudeli della vita.
E già... perchè solo ieri anche Lei era lì, ad un'edicola... a comprare figurine per una raccolta mai completata.

4 commenti:

  1. Cara Mary, la vita è una ruota che gira!!! e si ripete all'infinito.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Amico mio... ma non sempre gira per il verso giusto.
      Un abbraccio e... buona domenica
      mary

      Elimina
  2. Mary carissima, come sai il tuo post mattiniero è il primo che leggo. Questo mi ha colpito più di altri: non c'è crisi, mai, per il male... e quel ragazzo di 28 anni... non che per gli altri sia giusto, ma se penso ai miei figli mlle volte meglio a me!
    Ti abbraccio forte forte, sei una roccia e io ti voglio bene:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Amica cara... concordo con Te in tutto.
      Tante volte, nei momenti di maggior sconforto ho volutamente pensato... e se non fosse toccato a me?... e immediatamente mi sentivo meglio, ricaricata, pronta a proseguire quel cammino difficile ma che solo a me era dato da conoscere.
      A presto, keiko... e grazie di tutto.
      Un abbraccio...
      Mary

      Elimina