maggio

maggio
maggio

giovedì 28 novembre 2013

Io vedo... Io sento... Io parlo per quel che posso

Capita di pensarci... sono serena finché resto entro le mura dei miei pensieri, ove trovo sicurezza e certezze che solo io posso darmi con l'ottimismo di partenza e continuando con "vangate" di speranza.
Ecco... questo è il punto. E se tutto ciò che immagino, penso ed anche metto in atto per quel che posso, fosse mera illusione? Allora scendo da quella "rocca" a confrontarmi... a volte volontariamente, altre perché tirata fuori a forza... e il riscontro è purtroppo quasi sempre deludente. La reazione immediata sarebbe... non vedo, non sento, non parlo... e come le tre scimmiette sarei portata ad isolarmi veramente per proteggermi, ma poi rientro in me.
Impossibile "non vedere"... non dovrei fare quello che faccio e diversamente stare a casa, ma proprio sempre ignorando anche quei tediosi appuntamenti periodici... come se nulla fosse stato. Così non assisterei a quelle penose file di persone sofferenti che attendono la visita per accedere alla chemio o nervose per un follow up che riporta a tristi ricordi. Di recente ho perfino visto un paziente scantonare e strattonare un'infermiera perché aspettava da 5 ore... comportamento senza dubbio deprecabile e incivile ma, poiché non siamo Tutti uguali, certamente provocato da uno stato di cose.
Improbabile "non sentire" anche se avessi disturbi all'udito, perché il tono di Chi risponde si alza e la Sua espressione muta all'improvviso, quando si sente chiedere... vuoi il panino o l'acqua?... come se fosse possibile mangiare senza bere e non fossero previsti entrambi fin dall'inizio, ma il fondo si raggiunge quando si chiede almeno l'acqua, ed è finita, e non la si può recuperare nemmeno al distributore automatico perché questo è in manutenzione da tre mesi.
Assurdo sarebbe "non parlare", anche se entro certi limiti per poter continuare. Nel mio piccolo, nell'ambito delle possibilità di ex paziente oncologica cerco di fare qualcosa e di arrivare dove Altri non possono perché impediti dalla Loro condizione critica. Cerco il coinvolgimento... lo trovo e non lo trovo. Quando penso di aver raggiunto un traguardo anche minimo, gioisco... per restare delusa subito dopo, ritrovandomi sola come Davide di fronte a Golia. Nonostante questo non penso mai di tornare sui miei passi, tanto il mio vissuto è andato... vado avanti e mi lamento quel tanto che basta per constatare quanti pure si lamentano a iosa ma solo per scaricare ad Altri... quelli che sono in alto... le responsabilità.
E se ognuno si facesse carico almeno di ascoltare Chi è al Suo fianco durante quelle lunghe attese... qualcosa forse non potrebbe cambiare?

2 commenti:

  1. Mi piace molto questo testo in cui, leggendolo, si nota la bellezza della tua anima che non si è chiusa sui tuoi problemi personali. Brava Mary e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, caro Elio... ho solo cercato e continuo a... farlo, di elaborare la sofferenza e trasformarla in risorsa.
      Grazie ancora,
      Mary

      Elimina