maggio

maggio
maggio

sabato 14 dicembre 2013

Una dolcissima coppia

Io... e il mio sorriso, la scatola con le caramelle... e la sua "dolcezza".
Il primo, indispensabile supporto della seconda perché è impensabile offrire dolcezza con l'espressione fredda o ancor peggio amara. Ci può stare l'ironia ma una serenità di fondo non può mancare in un progetto che mira allo star bene e soprattutto al benessere di Chi ci è prossimo.
E così vado... con la certezza dell'approccio giusto a Cuori... inconsapevolmente sereni.
Qualche giorno fa sono capitata in una stanza dove per un po' ho pensato che forse avrei fatto meglio a dimenticarla la mia scatola...
Una coppia... Lei, sdraiata sul letto ma sorridente come nulla fosse... Lui, seduto accanto alla finestra, le due mani appoggiate su un bastone e l'atteggiamento da scettico con l'aria burbera.
"... una caramella?", ho chiesto alla paziente, mi ha risposto Lui... " no, Lei no... è diabetica!", allora ho cambiato direzione... "allora, prendetela Voi, una caramella. Vi va?", "... stiamo a posto, peggio che andar di notte!...", mi ha risposto in tono sornione e con una punta di sfida. "Ma ho anche le caramelle senza zucchero...", "No... e Chi Vi crede?!... non perché Voi dite stupidaggini, ma lo sapete che non esistono caramelle senza zucchero?... un poco un poco ci sta sempre... e a NOI... ci fate il danno."
No no no... per carità, ho pensato ed ho abbassato la scatola per elevare al contrario l'attenzione.
"U vede' che c'ho qua?!", e senza aspettare la risposta si era alzato il maglione sotto il quale portava una sorta di aggeggio tanto simile alle radioline di una volta... questo a destra, a sinistra invece si intravvedeva un cavetto, molto probabilmente collegato alla "radiolina". "Porto il pancreas artificiale... è un regalo che mi ha lasciato un intervento al cuore dieci anni fa, e da allora sto sempre in mezzo alle malattie... questa è solo una. Fra macchinette che si vedono e quelle che non si vedono, sai come mi chiamano?... l'uomo bionico. Poi un giorno si è ammalata pure mia moglie... ", e rivoltasi a Lei ... "... eri invidiosa, è vero, dei miei mali?"
"Non si tratta d'invidia, Amore mio... è che io Ti amavo e T'amo troppo..."
E' come dire... due malanni, un solo Cuore ovvero... dolcezza che non ha bisogno di altro.

6 commenti:

  1. Ma che bel post,complimenti Mary.Buon fine settimana da Olga....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Olga cara!... ma eri appostata dietro l'angolo?... l'ho appena pubblicato...
      Un bacio e... grazie sempre e per tutto.

      Mary

      Elimina
  2. Cara Mary, anche con questo post hai espresso molte cose che fanno piacere sentire!!!
    Ti auguro una buona e serena domenica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Amico mio... e una felicissima domenica sia anche per TE. Di vero Cuore.

      Mary

      Elimina
  3. Cara Mary dal cuore sereno, ti auguro una buona settimana. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a Te, mia cara. Te lo auguro di vero Cuore.
      Un abbraccio grande.
      Mary

      Elimina