luglio

luglio
luglio

sabato 1 luglio 2017

CREDERCI E... LAVORARE INSIEME (azioni - risultati - prospettive)


30 giugno... Conferenza dei servizi della Nostra azienda ospedaliera. Vari interventi, a partire dal direttore generale, dott. Antonio Pedota, per "rendere conto" di quello che è stato fatto finora in due anni di gestione, perché è fondamentale la trasparenza soprattutto quando si utilizza il denaro pubblico per perseguire obiettivi che riguardano direttamente i cittadini, tra cui un bene individuale e comune come la salute.
Nel complesso si può affermare che sono stati due anni ricchi di soddisfazione, molto è stato fatto anche se qualcosa è stato tralasciato per impossibilità oggettiva a causa di carenza di personale.
Si può fare di più e meglio avendo la consapevolezza che il percorso intrapreso sia quello giusto, in modo corale e compatto, mirato alla salute di ogni utente in quanto Persona.
Il direttore ha messo in luce i progressi più importanti con dati alla mano. Massimo utilizzo delle risorse con chiusura di bilancio in attivo anche senza finanziamenti, mobilità passiva in diminuzione rilevante, potenziamento dell'Unità di Pronto Soccorso con un numero maggiore di medici (da 25 a 32), la radiologia d'urgenza (TAC), posti letto monitorati, il tutto per consentire rapidità di cura già al momento della diagnosi tempestiva ed accettazione.
Il successo di questi ultimi anni è stato possibile grazie ad un rimodulazione delle risorse (diminuzione dei costi e in contemporanea spese mirate), disponibilità all'ascolto dei bisogni, lavoro in equipe insieme con gli altri direttori, il direttore sanitario (dott.ssa Laura Moffa) e il direttore amministrativo (dott. Michele Ametta).
Il secondo intervento è stato quello della dott.ssa Maria Tirone, prefetto di Foggia che non avendo a suo dire, competenze scientifiche, si è limitata ad un saluto e a confermare la massima collaborazione all'azienda per tutto ciò che concerne la sicurezza.
E' stata poi la volta del Rettore, prof. Maurizio Ricci che immediatamente ha ricordato l'intesa ormai consolidata tra l'Università di Foggia e l'Azienda mista Ospedali Riuniti. Un'integrazione, non sempre facile soprattutto all'inizio, ma portata avanti con costanza e spirito di condivisione, nell'adempimento delle sue funzioni, didattica, scientifica ed esistenziale.
Gli OO.RR. di Foggia sono il secondo policlinico di Puglia, dopo quello di Bari con uguale numero di posti letto ma non di risorse economiche. Non ha nulla da invidiare ad altre realtà di cura per le professionalità, strumenti e metodi di cura, anche se costretto, ad esempio al noleggio coi propri mezzi delle novità innovative, così come è stato per la "robotica chirurgica".
L'Università di Foggia, dal canto suo, pensa di aver fatto la propria parte da sempre avviando azioni anche coraggiose, come la procedura per l'istituzione della Struttura di Cardiochirurgia, che non avrebbero trovato sostegno senza l'ottima alleanza con l'azienda ospedaliera-universitaria.
Ancora una volta torna efficace il detto che da soli non si va da nessuna parte, e in futuro si auspica per il raggiungimento di altri importanti obiettivi, una collaborazione pure con la Sanità privata, in un certo senso privilegiata perché dalle maglie larghe e per l'ampia autonomia.
(continua...)

Nessun commento:

Posta un commento