agosto

agosto
agosto

venerdì 21 luglio 2017

C'ERA UNA VOLTA...


C'era una volta nulla, e di quel nulla adesso niente più. Un'asserzione senza senso, un indovinello... una frase in codice? Diciamo, un'asserzione enigmatica da decodificare.
Il giorno dopo un qualsiasi compleanno, si affollano di rigore i ricordi più antichi, tanto più numerosi con l'aumentare degli anni. Essendo nata d'estate, è normale che mi tornino alla memoria le vacanze da bambina, i profumi e i sapori di quel tempo, le usanze ormai cancellate.
Oggi poi, il caso ha voluto che incontrassi una coppia, fascia anni '50, ed è stato straordinario ricordare quel tempo nell'immediato dopoguerra quando il "niente" creava disagio e pur doveva bastare.
La moglie ricordava i pasti frugali preparati dalla mamma. La Sua... una famiglia di contadini riusciva ad andare avanti ma tra gli stenti. Non avevano niente oltre ciò che la terra e gli animali offrivano, e vai quindi con la "pasta e latte", le "polpette di pane" al sugo, e "pane, olio e zucchero" per merenda. Cibi semplici, gustosi e genuini che hanno lasciato qualcosa nella memoria delle papille gustative.
Ed ora invece...? L'anguria bella rossa che sa di cetriolo, le pesche e le albicocche, queste in particolare, dal giusto colore e grandezza , da "accomodare" su qualsiasi portasapone.
Ma come allora si vuole combattere l'obesità, e non solo?...
Gli estrosi estrogeni fuori luogo cominciano l'impresa, grassi, lieviti ed altra robaccia la portano a termine.
Noi eravamo magrissimi e non c'ammalavamo mai...
Vero, perché c'era solo l'essenziale, quello che serve e perciò non può far male.
E il ghiaccio non si scioglieva mai nella tinozza di stagno dove si mettevano al fresco i cocomeri giganti e le bottigliette di gassosa, detta anche da noi bambini di allora, "acqua con le pallucce", e il cono gelato da 20 lire al gusto crema e cioccolato era un'infinita dolcezza di autentici sapori.
Non c'era il frigorifero, né la televisione che assordava. Giocavamo con le trottole di legno e le bambole di pezza, non c'era quel che c'è. Poco o nulla allora che ci fa sentire ricchi ora.

Nessun commento:

Posta un commento