giugno

giugno
giugno

mercoledì 23 marzo 2016

MANCANO LE PAROLE


Davvero stavolta resto senza parole, di fronte all'ingiusto dolore e alle lacrime di Dio. C'è riuscito l'uomo alla fine a far piangere persino il Creatore, e non contento cerca ogni giorno di superarsi nel male. Che gioco perverso!
Quanta idiozia a generare tale disastro... addurre motivazioni in nome di una religione che nell'insieme poi non trova affatto il senso autentico del suo essere.
Ma quale Dio può essere assetato di sangue, desiderare morte e distruzione? E' sempre l'uomo, stupido ed ingrato, a strumentalizzare un credo e un ideale per avidità di supremazia e potere, e alcuna tolleranza.
Senza parole... è vero, soprattutto senza parole per trovare una soluzione, che siano a mediare per la Pace. Solo le obsolete, quelle che diciamo fra di Noi ogni volta che apprendiamo una notizia come quella di stamane, l'accaduto a Bruxelles. Cronaca di "terrorismo annunciato", consueta leggerezza di valutazione, raggiro vero e proprio.
Ci pensavo poco prima... certi fatti sconcertano ma ancor di più irritano, perché nelle modalità appaiono simili a gioco da bambini. Mentre sei concentrato per sorprendere all'improvviso, io ti distraggo e porto altrove, così che gli altri possano agire indisturbati.
Di Bruxelles si sapeva già subito dopo la strage di Parigi a novembre. Città assediata... armi spianate... controlli a tappeto? Mah, a questo punto qualche ombra la vedo. Certo è che una volta ancora il "ruolo del cattivo" ha vinto, cala il sipario senza applausi e solo qualche lacrima dei commossi, ma gli atti dell'uomo continuano. Con scene diverse sul palcoscenico della Vita.

Nessun commento:

Posta un commento