novembre

novembre
novembre

mercoledì 2 aprile 2014

LA "CARAMELLA ROSSA"

Che un uomo potesse chiamarsi così, con "quel Suo nome"... non avrei mai pensato, almeno fino al giorno che me lo disse, e mi spuntò un sorriso.
Pallido e con la testa reclinata da un lato sorrise anche Lui... perché, non ci credi?... aggiungendo col tono scontato e sicuro di Chi aveva motivo di ripetere la stessa domanda per l'ennesima volta, quasi fosse retorica e non per ottenere una vera risposta.
Perché non avrei dovuto credergli?
Certo se fosse stato "donna" mi sarei stupita di meno anche con quel nome, come dire... un po' demodé , ma poi avevo pensato che di Lui mai mi sarei dimenticata e non solo per il nome che alla fine gli stava a pennello per lo sguardo pacato e la dolcezza del sorriso. Eppure era stremato per la malattia avanzata e tutti gli inconvenienti che il fatto comportava, e pur rassegnato aveva preso a lamentarsi alzando leggermente i toni ed immediatamente dopo aveva concluso... dammi la caramella, quella rossa e non ci pensiamo più. Di quella richiesta esplicita ero rimasta contenta, perché fino ad allora non aveva mai preso caramelle, neppure "quella rossa"... ed ora invece... ed io avevo interpretato la cosa come finalmente la  piena accettazione del mio "affetto".
E per le volte a venire è stato così... sempre una caramella rossa, magari sul comodino perché... ora non mi va, la mangio dopo.
 Poi ieri... un dito in alto in senso di diniego ma gliel'ho lasciata ugualmente mentre gli stringevo forte la mano... con tutto il mio affetto.
Che fosse energia per Lui, in quel momento debole da non riuscire a pronunciare una sillaba... che fosse conforto e vicinanza, come dire... ci sono, che fosse riferimento e poter sussurrare ancora... sempre, ogni volta che vorrai.

5 commenti:

  1. Posso solo dire: che bello leggere questa vostra storia... ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il Tuo consenso, cara Vivy... è la motivazione più grande.
      Un abbraccio...

      Mary

      Elimina
  2. Sempre pronta con la tua vicinanza e le tue caramelle cara Mary, un grande abbraccio a te e uno a Vivy (sto scoprendo una nuova amica), ciao a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, Ale... come prende e dà forza la "rete" se ad essa ci si lascia andare?
      Un bacio...

      Mary

      Elimina
    2. Ale ♥♥♥ e un abbraccio grandissimo ad entrambe..

      Elimina