settembre

settembre
settembre

domenica 11 maggio 2014

UNA PICCOLA FIAMMA SEMPRE ACCESA

... la piccola fiamma continuerà a... restare accesa e brillerà tutte le volte che vorrai.
Sono parole pensate per un Amico che proprio oggi ha perso la Sua mamma.
Non c'è tempo giusto o età "adatta" per perdere l'affetto più grande della vita, si soffre sempre, anche se non si pensava possibile... enormemente, e quello che si prova nell'immediato è disorientamento e la "quasi certezza" d'aver perso tempo ed occasioni giuste.
Vorresti poter tornare indietro e recuperare tutto quanto... le carezze e i baci da bambino, i rimbrotti e le raccomandazioni di quando eri più grande, persino il maglioncino che ti piaceva tanto, sferruzzato da Lei o il costume per il Carnevale, cucito con gli avanzi di stoffa... perché di soldi ce n'erano pochi ma qualche spicciolo avanzava sempre per una busta di coriandoli e una trombetta.
E poi senti un vuoto dentro... un vuoto fisico perché quella voce ed anche il silenzio compagno delle lacrime non potrai udire più.
Ti manca TUTTO di LEI... anche quello che non avresti voluto vivere con Lei e per Lei.
E T'appigli ai ricordi, quelli belli... e Ti sforzi fino a far scoppiare la testa per riprodurre il tono della Sua voce perché possa continuare in Te e chiudi gli occhi per rammentare ogni particolare fisico e non scordarlo più.
Gli ultimi istanti di quella Vita che si spegne sono poi quelli che restano impressi a fuoco... il pallore, il sudore sempre più gelido, un respiro forzato, l'espressione della non coscienza... l'ultimo scintillio della candela prima del buio.
Quando Tutto è finito resta il dolore, un disagio latente... perché va il mondo che avrebbe dovuto fermarsi almeno per un attimo...
...è volata in Cielo una mamma... è una cosa importante che merita rispetto.
Ma non è così o meglio è cosi che si rispetta una Vita che non c'è più... continuando a... Vivere per la Vita stessa.
Del resto siamo TUTTI in cammino verso una meta, prima o poi c'arriveremo.
Lungo il cammino qualcuno si ferma, è stanco.
Noi andiamo avanti, voltandoci indietro ogni tanto finché non lo perdiamo di vista.
Sereni... perché dopo il riposo riprenderà il cammino, a passo lento e stanco... ma lo riprenderà verso quella meta.

7 commenti:

  1. Mary, non servono altre parole... hai scritto tutto TU , Si soffre enormemente e questo dolore non passa con il tempo, non passerà mai. Buona settimana cara amica, un abbraccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Ale cara... il dolore non passerà, resterà però come una "scorza" dura, segno di un passaggio sofferente, un ricordo sulla pelle che nasconde sempre una ferita ma non più "a carne viva".
      Un bacio e un abbraccio grande.

      Mary

      Elimina
  2. Ciao Mary,le tue parole mi hanno stretto il cuore,più di quanto non lo fosse già.Leggendo ho pensato alla mia amica del cuore che proprio ieri mattina ha perso il suo papà nel giro di un secondo mentre si trovava dal meccanico,infarto....mi chiedo come farà...se io che le sono amica è da ieri che sto male.
    Un forte abbraccio cara!
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letizia cara, l'immedesimarsi nelle situazioni a volte porta a soffrire più dell'immaginabile, nell'immediato anche più di chi quel momento lo sta vivendo in prima persona. La Tua amica, ora è impegnata a realizzare mentalmente un accaduto improvviso e imprevedibile... il dolore vero e proprio arriverà dopo, col senso di vuoto e la mancanza del suo papà. Stalle vicino, Letizia cara... con la sola presenza discreta e rassicurante, spesso infatti, per troppo affetto si tende a strafare... ovviamente non lo sarebbe da parte Tua ma così inteso da chi riceve le attenzioni. Non puoi Tu, Amica mia, mai essere certa del luogo, momento e modo... giusti. Perciò resta così come sei... l'amica affettuosa di sempre.
      Ti abbraccio sempre con affetto...

      Mary

      Elimina
    2. Grazie cara Mary per il tuo caro consiglio!
      Baci
      Letizia

      Elimina
  3. Proprio l'altro giorno pensavo a lei, non che non ci pensi tutti i giorni, ma quello in modo particolare e gli ultimi istanti si sono fatti "vedere" forte e chiaro"... davvero il vuoto è immenso, ma grazie a Dio, Lui lo ha riempito di cose che non pensavo possibili... è proprio vero che è un cammino... un grande abbraccio ♥

    RispondiElimina