dicembre

dicembre
dicembre

mercoledì 5 ottobre 2011

Ieri pomeriggio sono andata dal parrucchiere a tagliare i capelli...
"Ma com'è che questi capelli sono un po' flosci... sono cambiati ancora..." Flosci?! Vorrei saperlo anch'io... veramente. Il fatto è che dagli inizi d'agosto hanno cominciato a cadere... non "tantissimi", per carità... ma abbastanza da inquietarmi... facendomi tornare indietro nel tempo. Mi son detta quasi subito, ok... non potrà mai essere "come allora"... e ho continuato a... far finta di niente, per lo meno in testa qualcosa c'era.
Ora la caduta è rallentata... Molte delle "mie amiche" mi avevano detto che con la "pillola dei cinque anni" questa cosa poteva succedere... però... non voglio pensarci più di tanto... così, per non somatizzare... inficiando l'effetto di quel farmaco che volente o nolente devo prendere.
E sarà stato forse per questo e per tanti altri avvenimenti ed eventi in essere o divenire che stamattina mi è capitato di confondermi coi nomi...
Appena arrivata, affacciandomi alla porta della prima stanza, "Buongiorno, Filomena..." Attimo di perplessità da parte della presunta "Filomena"... qualcosa ho capito, "Ma tu... sei Filomena?" "Veramente... mi chiamo Carmela..." "Oh... scusa... comunque... buongiorno lo stesso!" e me la sono cavata aggiungendoci un sorriso.
Poi è passato Salvatore... ed io come l'ho salutato? Chiamandolo Michele! Ma si può?!
 Allora ho dovuto dar ragione al compagno della mia vita che con i nomi di battesimo non è mai andato d'accordo mescolandoli in maniera incredibile... Lui da sempre sostiene che si confonde... ha molto per la testa... non può farci niente. E in effetti in questi giorni io non sono da meno... scelte da fare, decisioni da prendere... preoccupazioni. Tutto sommato niente che non sia parte corrente della Vita... normalità che se da una parte fiacca dall'altra sprona a metter fuori il meglio di me...
A proposito di "normalità"... stasera dopo oltre tre mesi d'assenza da casa è tornata Valeria. Un tempo per lei era normale tornarvi dopo una passeggiata o al massimo una gita... oggi pur non essendo cambiato nulla ha trovato tutto diverso... soprattutto il frigorifero. L'ha aperto e... "Ma mamma... sembra il supermercato!"

8 commenti:

  1. ...continuare a ...sorprendermi della tua positività che ristora e allieta il mio divenire nel giorno Amica Cara...un Anima che sà accogliere e far frutto di tutto ciò che le giunge..grazie di te..un abbraccio..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Non preoccuparti per i nomi, succede anche a me...E' sempre un piacere leggerti, emani dai tuoi racconti una semplicità e una purezza che, in questo momento mi ristora. Abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  3. Ma sai che anch'io faccio come tuo marito!!!Da sempre ho sempre avuto questa capacità (cosi la chiamavano in ufficio dove lavoravo prendendomi un po in giro) di scambiare i nomi delle persone....mha!!!1
    Buona giornata amica cara con un sorriso grande grande e un abbraccio
    Pinuccia

    RispondiElimina
  4. Sono contenta che è arrivata tua figlia... che bello, la vostra unione è qualche cosa di unico e speciale...
    Cara amica, passa delle serene giornate.
    Un abbraccio a tutte e due.
    Ale

    RispondiElimina
  5. Mia cara... nella Vita Tutto... ma proprio Tutto ha un senso, quindi anche la malattia.. Per palesarne il senso è necessario vedere il lato positivo che nel caso specifico è mettere a frutto un'esperienza dolorosa. A questo punto quando si comprende il significato della sofferenza non ci può essere altro che la serenità.
    Felice di essere sempre compresa da un'Anima speciale quale Tu sei, ti abbraccio forte,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Annamaria... grazie! Sapere di non annoiarti è un "ristoro" per me... desidero rinnovarmi ogni volta proprio per questo... rasserenare e sperare sempre.
    Un grande abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Confondere i nomi, cara Pinuccia, in fondo non è importante... lo è invece tenere bene a mente il Cuore, la Sensibilità di coloro con cui ci rapportiamo... E Tu... secondo me... ne tieni conto e tanto.
    Un fortissimo abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  8. E' vero, carissima... la "nostra unione è qualche cosa di unico e speciale" anche se a tratti un po' conflittuale per le diversità logiche di carattere e generazione. Ma alla fine ciò che conta è sempre e solo l'Amore e quello per fortuna ci sta tutto.
    Un bacio... unico... esclusivo... solo per Te.
    Mary

    RispondiElimina